Login / Registrazione
Lunedì 26 Settembre 2016, SS. Cosma e Damiano
follow us! @travelitalia

Fonte di Docciola

Volterra / Italia
Vota Fonte di Docciola!
attualmente: 08.50/10 su 4 voti
La Fonte di Docciola si trova presso la porta omonima e fu costruita nel 1245 da un certo maestro Stefano di Siena, come indica la scritta posta in alto, sul pilastro centrale. Fu restaurata, forse per la prima volta, nel 1520: dopo un lungo periodo di abbandono, subì un nuovo restauro in tempi recenti, e fu riportata alle linee originali.
Solitaria e maestosa, forma con la porta uno dei complessi architettonici più familiari e suggestivi della città
La struttura richiama quella delle celebri fonti di Siena e di San Gimignano. In effetti, essa si presenta come una specie di portico a grandi arcate. L'acqua scorre e canta nell'ampia vasca sotto le volte, che anima di lampeggiamenti e di mobili riflessi, i quali si svolgono come trilli e gorgheggi sopra l'uguale e diffusa armonia dei verdi tenuta dai muschi, dalle erbe e dal capelveneri, immobile e pendulo nel muro umido e cupo. Si possono immaginare le lavandaie, che in un non lontano passato battevano qui la loro biancheria, ciarlando allegramente, mentre i fanciulli con le brocche di rame e i fiaschi s'addensavano alle fontanelle laterali. L’acqua della Fonte serviva da forza motrice ai molti mulini allineati lungo il botro che scende verso l'Era, ed era usata nel Medio Evo, dall'Arte della lana che qui aveva i suoi opifici.
Condividi "Fonte di Docciola" su facebook o altri social media!