Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Girolamo

Volterra / Italia
Vota Chiesa di San Girolamo!
attualmente: 10.00/10 su 3 voti
La Chiesa di San Girolamo sorge poco lontano dalla città, fuori di Porta a Selci, nei pressi dell’Ospedale Psichiatrico. Fu costruita nel Quattrocento, su disegno del Michelozzo, ma ha poi subito visibili alterazioni.
Ai lati del porticato della chiesa si trovano due cappelle: una appartiene all'Arciconfraternita della Misericordia, l’altra alla nobile famiglia degli Inghirami. Nella prima vedesi un mirabile quadro in terracotta di Giovanni della Robbia, ad alto rilievo, rappresentante San Francesco d'Assisi che porge a Santa Chiara e a San Lodovico di Francia due nastri, su cui è scritto: Haec est via salutis et vitae, e Accipe disciplinam potris tui. Vi sono poi simboleggiate la Castità, la Purità e l’Obbedienza e si vedono le immagini di Cristo, della Maddalena, di San Giovanni e di altri santi. Nella seconda (1501) è rappresentato il Giudizio finale.
L’importanza della chiesa di San Girolamo, come per la Chiesa di San Francesco, è data dai vari e preziosi oggetti d'arte che essa conserva al suo interno. Oltre alle due terrecotte di cui si è detto, spiccano: due quadri su tavola e una pianeta di tessuto del secolo XV con la sigla raggiante di Gesù e la Resurrezione. La tavola di destra, rappresenta la Madonna col Bambino tra i Santi Cosma, Damiano, Francesco, Bonaventura, Lorenzo e Antonio da Padova, ed è stata attribuita al Ghirlandaio, ma sembra che meglio si accosti alla maniera di Zanobi Machiavelli. Più preziosa è l'opposta Annunciazione di Benvenuto di Giovanni di Siena (1466). La Vergine soave, leggera, lunga, con una testina di colomba, siede tra i cherubini. Un vaso di gigli la divide dall'Angelo, del pari così lungo e sottile, che non è possibile immaginarlo in piedi. Eppure è di una suprema eleganza, come la Santa Caterina regalmente vestita, sotto il manto rosso vellutato, di una stoffa a melograni d'oro e a fronde verdi su fondo turchino. Così dì femminile dolcezza è pure dotato l'Arcangelo Michele dai diffusi capelli biondi, coperto di corazza dorata. Sulla linea mediana in alto si vedono il Padre Eterno in gloria e lo Spirito Santo; in basso, il ritratto dell'offerente. Notevoli sono anche le due statue di San Francesco e di San Girolamo, attribuite del Gonnelli, noto sotto il nome di Cieco da Gambassio, e la tomba di famiglia degli Inghirami.
Condividi "Chiesa di San Girolamo" su facebook o altri social media!