Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Musei di Vigevano

Vigevano / Italia
Vota Musei di Vigevano!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
MUSEO DELL’IMPRENDITORIA VIGEVANESE
c/o Palazzo Merula
Via Merula, 40
Istituito nel 2005, il Museo dell’Imprenditoria vigevanese fa parte dei Musei Civici “Luigi Barni”. Propone un interessante percorso storico attraverso i secoli XIX e XX, in cui si è sviluppato il processo d’industrializzazione della città e del territorio, con uno sguardo sul futuro, orientato all’utilizzo delle nuove tecnologie.

MUSEO DELLA CALZATURA “PIETRO BERTOLINI”
c/o Castello sforzesco
Seconda scuderia – piano superiore
Ingresso: da Piazza Ducale
Ingresso: da Corso della Repubblica
Nata in forma artigiana, l’attività calzaturiera a Vigevano ha assunto una precisa dimensione industriale nella seconda metà dell’Ottocento. Per l’importanza di questo settore produttivo, la città, ha innalzato in una sua piazza il monumento al Calzolaio d'Italia, ma ha sentito anche la necessità di erigere un diverso monumento – il Museo, appunto – che ricordasse le fatiche e il lavoro di lunghi anni. Inaugurato nel 1972, il Museo fa parte dei Musei Civici “Luigi Barni”. La raccolta è unica nel suo genere in Italia e, divisa in tre sezioni, comprende circa trecento tipi di calzature, che raccontano una storia inedita della calzatura, elemento di costume attraverso i secoli e presso le diverse civiltà.
La sezione storica comprende esempi di scarpe dal XV secolo ai nostri giorni, come gli stivaloni da postiglione risalenti al XVII secolo, le pantofole veneziane del Seicento o le scarpine da ballo dell'Ottocento. La seconda sezione raccoglie le calzature appartenute a personaggi illustri: dalla duchessa Beatrice d'Este a Papa Pio XI. La terza sezione, etnografica, riunisce calzature in uso presso diversi popoli della terra.

MUSEO DEL TESORO DEL DUOMO
Piazza Sant’Ambrogio, 14
Ingresso dal Palazzo Vescovile
Il Museo, ospitato nei locali dell’antica Sagrestia Superiore della cattedrale, è costituito in massima parte dai doni e dai lasciti di Francesco II Sforza (1534). Tra le opere esposte: eleganti corali e codici miniati da Agostino e Ferrante Decio, un raro pastorale in avorio intarsiato, La Pace, reliquiario in argento cesellato in oro di scuola lombarda (XVI sec.), calici e reliquiari di varie epoche, un paramentale cinquecentesco, ricamato in oro zecchino e usato a Monza nel 1805 per l'incoronazione di Napoleone; arazzi fiamminghi provenienti dalle arazzerie di Bruxelles (1520) e Oudenaarde (inizi XVII sec.) con soggetti religiosi (Parabola del Figliol Prodigo, Storie di Ester e Assuero e Storie di Giuseppe Ebreo) e profani (Storie di Alessandro Magno). Gran parte degli oggetti esposti giunse a Vigevano per ornare la cattedrale nelle funzioni più solenni.

PINACOTECA CIVICA
c/o Castello sforzesco
Scuderie ducali – I piano
Ingresso: da Piazza Ducale
Ingresso: da Corso della Repubblica
Riaperta nel 2012, la Pinacoteca Civica di Vigevano fa parte anch’essa dei Musei Civici “Luigi Barni”. La grande pittura italiana ed europea del XIX secolo costituisce il cuore della Pinacoteca. Essa è rappresentata da Giovanni Battista Garberini, con il “Ritratto della famiglia Campari”, da Pompeo Mariani, con la sua “Marina”, e da Francesco Valaperta, con la monumentale composizione storica “La morte di Carlo Emanuele II”. Fra gli esponenti del rinnovamento formale della pittura lombarda - nella seconda metà del secolo – son presenti il paesaggista Ambrogio Raffaele e il ritrattista Casimiro Ottone. La generazione di pittori a cavallo del Novecento è rappresentata da Luigi Bocca, Luigi Barni e dai fratelli Cesare e Ferdinando Villa. Infine, la stagione del Novecento pittorico ha in Mario Ornati e Carlo Zanoletti i protagonisti principali. Unico rappresentante notevole della scultura del Novecento a Vigevano è Giovan Battista Ricci, di cui sono esposti i bozzetti preparatori del “Monumento al Calzolaio d’Italia” e altri lavori dedicati all’industria calzaturiera.
Condividi "Musei di Vigevano" su facebook o altri social media!