Login / Registrazione
Giovedì 8 Dicembre 2016, Immacolata concezione
follow us! @travelitalia

Chiesa di Santa Maria del Popolo

Vigevano / Italia
Vota Chiesa di Santa Maria del Popolo!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
La Chiesa, che sorge in Via del Popolo, fu costruita con pianta poligonale ed è uno dei migliori esempi dell’architettura barocca di Vigevano. Essa fu eretta nel 1698 nell’area di un preesistente oratorio, sorto con il permesso del Vicario generale di Novara a cui si erano rivolti alcuni membri “dissidenti” della Confraternita di San Dionigi. Questi ottennero di costruire la chiesa per officiarvi, lasciando quella di San Dionigi. L’importanza dell’oratorio è testimoniata dall’interesse dimostrato da Francesco II Sforza, che lo elesse oratorio della corte ducale, e la munì di molti oggetti preziosi. L’edificio fu abbattuto nel 1696, su ordine del consiglio della Confraternita, che lo ritenne troppo piccolo per contenere il popolo dei fedeli.
La facciata fu completata nel 1717. Il progetto di ricostruzione è opera dell’architetto romano Giovanni Ruggeri. Verso la fine dell’Ottocento, la Chiesa subì alcuni restauri sulla chiesa, di tipo essenzialmente conservativo, che interessarono soprattutto la facciata e l’esterno.
La facciata mossa è fortemente scenografica, mentre l’interno è affascinante per la presenza di motivi chiaroscurali creati da un sapiente gioco di pieni e di vuoti e da un’accurata ricerca pittorica. La decorazione interna risale al 1729, ed è merito di G. A. Fusi che fece dipingere a sue spese il grande affresco con l’Incoronazione della Vergine, situato nella volta, e quello della volta del presbiterio raffigurante l’Assunzione. Sul fondo dell'abside è conservata una tela di F. Bianchi rappresentante la Purificazione della Vergine mentre una seconda tela dello stesso autore si trova sull’altare di destra e rappresenta lo Sposalizio della Vergine (1754). Gli interventi sugli affreschi settecenteschi delle volte, delle decorazioni interne e delle colonne sono opera del pittore vigevanese C. Ottone. Gian Battista Garberini integrò l’interno con quattro medaglioni. Notevole la statua lignea della Vergine proveniente dal castello, dono di Francesco II Sforza.
Condividi "Chiesa di Santa Maria del Popolo" su facebook o altri social media!