Login / Registrazione
Domenica 4 Dicembre 2016, San Giovanni Damasceno
follow us! @travelitalia

Michele da Verona

Figlio di un Zenone da Sommacampagna. Allievo di Domenico Morone, condiscepolo del Cavazzola e di Francesco Morone, col quale rimase legato da buon’amicizia. Non è ricordato dagli antichi scrittori; nei documenti d'archivio è indicato col nome Michele di Zeno.

È merito del Cignaroli aver identificato le sue opere e di aver richiamato su di esse l'attenzione dei concittadini. Si tratta di vari notevoli affreschi, in Sant'Anastasia (Cappella Pellegrini), in San Bernardino, in Santa Chiara a Verona, e in Santa Maria in Vanzo a Villa d'Este (Padova).

Una sua Crocifissione - già nel Monastero di San Giorgio ed ora a Milano (Brera) - grandiosa composizione, è considerata un capolavoro del suo tempo (1501).

Di Michele da Verona il Museo di Castelvecchio possiede quattro saggi: Madonna e Santi; Maria su vestibolo del Tempio; La Sibilla predice a Cesare la venuta di Mario; S. Giuseppe con la Vergine e altri Santi, dà la mano a Davide.

BIBLIOGRAFIA: Cignaroli; Da Persico; Simeoni; Mazzi.
Condividi "Michele da Verona" su facebook o altri social media!