Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Felice Brusasorzi

Apprese l'arte dal padre Domenico e, morto questi, intraprese a viaggiare. Fu a Firenze presso il Canigiani e passò poi con Jacopo Ligozzi veronese, quando questi nel 1577 si stabilì colà. Tornò poi a Verona portandovi lo stile manieristico in gran voga allora in Toscana.

Felice Brusasorzi ebbe una produzione copiosissima. In ogni chiesa di Verona e in molte della provincia si conservano saggi dell'opera sua.

Il Museo di Castelvecchio possiede quattro dei suoi lavori: Mosè salvato dal Nilo, Il giudizio di Paride, Gesù deposto, Paesaggio fluviale. Delle molte opere sparse nelle chiese veronesi ricordiamo: In Sant'Anastasia: San Raimondo (III alt. a sinistra) e San Vincenzo (sacrestia); in San Giorgio: Gli Arcangeli (IV alt. a destra); in Sant'Eufemia: Crocifissione (I alt. a sinistra) e L'Assunta (alt. magg.); in San Tomaso: Madonna con i Santi Tomaso, Cirillo, Anna (alt. magg.); in San Pietro Incarnario: I Santi Barnaba, Lucia e Agata (III alt. a sinistra); ai SS. Apostoli: L'Epifania (porta sinistra); in San Nazzaro: Madonna e Santi (sacrestia); in San Paolo: San Francesco di Paola (cappella Giusti); in Santa Maria della Scala: Assunta (coro) e Sant'Orsola (IV alt. a destra); in Sant'Elena: I Santi Elena e Giorgio; in Duomo: Portelle dell'organo a sinistra.

Altre opere nelle chiese di Caldiero, Tregnago, Nogarole, Oppeano, Cerea, Zevio, Quinzano, San Floriano. Nel Palazzo della Gran Guardia v'è il suo grande quadro con La vittoria veronese sui Benacensi nell'848.

BIBLIOGRAFIA: Ridolfi; Dal Pozzo; Lanceni; Cignaroli; Maffei; Zannandreis; Bernasconi; Da Persico; Simeoni.
Condividi "Felice Brusasorzi" su facebook o altri social media!