Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Siro e Libera

Verona / Italia
Vota Chiesa di San Siro e Libera!
attualmente: 09.78/10 su 9 voti
Cenni storici
La chiesetta dei Santi Siro e Libera sorge tra i ruderi del Teatro Romano. Fondata in onore di San Siro nel all’inizio del sec. X, fu lasciata per testamento al convento di Santa Maria in Organo. Nei primi anni del sec. XIV aggiunse al suo titolo anche quello di Santa Libera, non si sa per quale motivo. Nel 1517 la chiesa esistente fu concessa ad una confraternita del Sacramento, che provvide a trasformarla: in particolare, furono aggiunte le cappelle laterali e fu ingrandito il coro.

Architettura ed arte
Esterno. La porta d'ingresso è alla fine di una bella gradinata a due rami costruita fra il 1697-1703. Nella facciata, intonacata, si scorgono i segni dell'innalzamento, che ebbe la chiesa nel 1697-1703. Elegante in facciata è un bel protiro ad arco acuto, del sec. XIV; della seconda metà del sec. XIV sono pure gli affreschi del sottarco (Battista, S. Dorotea e Cristo), e il San Siro della lunetta. Una statua lignea di Santa Libera è collocata sopra la porta d’entrata. Sul fianco destro è murata una bella iscrizione romana di Cornelio Melibeo.
Interno. L’interno ha quattro altari laterali, due in cappelle profonde, che furono aperte, una nel 1672 ed una nel 1697-1703. Nella prima si ammira un ritratto di San Gaetano e Maria di G.B. Cignaroli, nella seconda Santa Libera e Maria del Voltolini. Prezioso è l'altare maggiore che ha il parapetto di marmi intarsiati e madreperla, ed è ornato da un ovale dell'Addolorata di D. Aglio: gli angeli del mezzo sono di C. Schiavi, e gli altri lavori di Diomiro Cignaroli.
Splendido lavoro d'intaglio è il coro (1717-1720) cominciato da Andrea Kraft e finito da altri due tedeschi C. Petendorf e R. Siut. Nel coro stesso, vi è una tavola dell'Annunciazione del Ridolfi. La sedia centrale ha la spalliera mobile, per essa si penetra in un arcovolo del teatro, dove si vede un affresco di San Siro forse del XV sec. Sopra la porta maggiore vi è un busto di Clemente XIII, mentre nel mezzo della chiesa è sepolto il pittore veronese G.B. Cignaroli.
Fonte: Guide 09

Condividi "Chiesa di San Siro e Libera" su facebook o altri social media!