Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Palazzo Estense (Giardino Estense)

Varese / Italia
Vota Palazzo Estense (Giardino Estense)!
attualmente: 10.00/10 su 3 voti
Il Palazzo Estense guadagnò a Varese il soprannome di "Versailles di Milano", datole da Stendhal, e costituisce il capolavoro varesino dell'architetto Giuseppe Bianchi. Il Palazzo, che sorge in Via Sacco, a breve distanza dal centro, fu eretto tra il 1766 e il 1771 per volere del duca di Modena Francesco III d'Este che, ottenuta la signoria di Varese da Maria Teresa d'Austria, era desideroso di insediarvi la propria corte. Il duca aveva acquistato l'edificio nel 1765, quando era ancora la villa di Tommaso Orrigoni.
L'aspetto quasi anonimo della facciata rivolta verso il centro città contrasta apertamente con quello molto più interessante dell'edificio rivolto verso il giardino. Le forme sono quelle misurate tipiche del "barocchetto" lombardo, non privo di influssi neoclassici, con paraste e cornici marcapiano in bianco che risaltano sullo sfondo rosa dell'intonaco. Sul frontone si distingue una meridiana sormontata dall'aquila ducale.
All’interno, della dimora principesca non sono rimaste integre molte stanze. Pregevole è il Salone Estense (o "Salone d'onore"), al pianterreno, con le architetture illusionistiche dipinte dal Bosellini e il grande medaglione centrale affrescato da Giovan Battista Ronchelli. L’occhio del visitatore è attratto dal grande camino in marmi policromi e dagli eleganti lampadari in cristallo. La sala ospita spesso conferenze o concerti. Salendo al primo piano, s’incontrano quattro nicchie con busti femminili del Settecento e alcuni originali reggi lampada con putti di stucco. Al primo piano si trova la Sala da Ballo, decorata con tele del Cinque-Seicento, tra cui spicca la Vergine con Bambino della scuola del Morazzone.
Per completare il Palazzo, il Bianchi s’ispirò alla residenza imperiale viennese di Schönbrunn e realizzò nel parco uno dei più interessanti giardini settecenteschi di tutta la Lombardia. L'imponente fontana situata nel piazzale davanti al palazzo, subito dopo i parterre, costituisce il culmine ideale del giardino, che, mosso da declivi, belvedere, viali di carpini, sentieri e aiuole variopinte, può ben essere considerato uno dei più incantevoli parchi pubblici all'italiana. Dalla collinetta si gode un duplice panorama: guardando verso la città si offre alla vista la poetica altura di Biumo Superiore, folta di parchi verdi, con la sua chiesetta e le sue ville, e più lontano lo scenario delle montagne del Ceresio; guardando verso la campagna son le floride ondulazioni contornanti il Lago di Varese e sparse di abitati che fanno spettacolo.
Attualmente il palazzo è sede del Municipio cittadino e ospita la Biblioteca civica.
Condividi "Palazzo Estense (Giardino Estense)" su facebook o altri social media!