Login / Registrazione
Giovedì 29 Settembre 2016, SS. Michele, Gabriele e Raffaele
follow us! @travelitalia

Duomo di Udine

Udine / Italia
Vota Duomo di Udine!
attualmente: 09.60/10 su 10 voti
Sulle origini del Duomo le notizie sono incerte. Si ritiene che il patriarca Bertoldo di Andechs-Merania abbia cominciato nel 1236 la costruzione della cattedrale, forse su una chiesa del secolo precedente, intitolata a San Gerolamo. Già adibito al culto nel 1257, l’edificio fu costruito secondo una struttura tipicamente francescana e dedicato a San Odorico. Si sa per certo che, nel 1335, il patriarca Bertrando di San Genesio, fatta ampliare la chiesa e aggiuntavi la cappella dell’Annunziata, la innalzò al grado di collegiata e la consacrò con il titolo di Santa Maria Maggiore. I lavori di ampliamento continuarono fino al 1362 e ripresi nel 1368, con gli architetti Federico da Varmo e Pietro Paolo da Venezia. Nel corso dei secoli, il Duomo subì varie modifiche: nel 1383 l’edificio fu allungato, nel 1500 furono costruite le cappelle laterali, nel 1700 la struttura fu quasi completamente trasformata in senso barocco. Ai primi del Novecento un restauro ha tentato di ridare alla facciata una veste trecentesca.
L’esterno non presenta cose notevoli, se si eccettua la porta centrale e quella accanto al campanile, entrambe assai belle ed in purissimo stile archiacuto. Il campanile risale al 1441: costruito sul battistero del 1348, è opera di Cristoforo da Milano, aiutato dall'udinese Bartolomeo delle Cisterne. Per quasi tutta la sua altezza la torre è cava. Il suo perimetro (m. 52) è maggiore dell'altezza (m. 47).
L’interno invece, pur avendo perduto i segni della primitiva architettura, è stato riformato per la munificenza della famiglia Manin. Predomina, in generale, il barocco. Le opere d'arte sono numerose e presentano notevole interesse. In sintesi, ricordiamo qui le sculture del Torretti, maestro del Canova, i dipinti del Tiepolo, del Pellegrino da San Daniele, di Domenico da Tolmezzo, dell’Amalteo, del Pordenone e di altri, nonché i bellissimi stalli in legno scolpito. In un'arca, dietro l'altar maggiore, sono raccolte le ossa del Beato Bertrando. Il coro è imponente, come pure maestosi sono i mausolei della famiglia Manin. Le volte furono dipinte con ardimentoso disegno dal francese Dorigny, autore anche delle tele allegoriche ai lati della cappella centrale. Lungo le navate laterali stanno gli altari, disegnati, ad eccezione di quello delle Reliquie, dall'architetto Massari.
Condividi "Duomo di Udine" su facebook o altri social media!