Login / Registrazione
Sabato 19 Agosto 2017, San Giovanni Eudes
Twice25 Rinina25 Marku1988 - CC by-sa
Twice25 - CC by-sa
follow us! @travelitalia

Attrazioni varie di Trieste

Attrazioni varie di Trieste: 10 Pagine dei risultati:   1  


Canal Grande

varie
Il Canal Grande è una breve via d'acqua artificiale che si addentra nel cuore del Borgo Teresiano di Trieste, quartiere della città edificato nel Settecento su un'area prima occupata da saline. Un tempo, il Canale era utilizzato da velieri e grossi mercantili che potevano attraccare nei moli del centro cittadino, e scaricare le merci sulle banchine, vicino ai magazzini. In definitiva, il Canale r...


Duino e il Sentiero Rilke

varie
Una della passeggiate più belle e suggestive del golfo di Trieste - una passeggiata che affonda le sue radici nella storia, che sa di cultura e di letteratura - è quella che, a picco sul mare, collega Sistiana a Duino. Il tratto è una terrazza naturale di quasi due chilometri, affacciata sulle bianche falesie di Duino. Questo è il sentiero Rilke, uno degli itinerari più suggestivi, e accessibili d...


Caffè San Marco

varie
Il Caffè San Marco si trova in Via Cesare Battisti. Fu aperto nel 1914 da Marco Lovrinovich - istriano ma di sentimenti italiani, innamorato di Venezia - e divenne ben presto un locale assai frequentato. Fra i clienti abituali c’erano i soliti sfaccendati - lettori di quotidiani e appassionati di biliardo - ma anche giovani irredentisti: qualcuno vi preparava passaporti falsi, per i patrioti a...

Le Rive

varie
Per chi giunge dalla panoramica Strada Costiera, le Rive di Trieste formano una scenografica entrata in città e sottolineano - già al primo impatto visivo - quella peculiare identità di città in bilico tra suggestioni centro europee e mediterraneità. I colori prevalenti sono quelli che vanno a costituirsi attraverso la fusione della predominante grigio azzurra dei palazzi con quell’arancio di t...

La Lanterna

varie
Sembra che già i Romani abbiano costruito un faro a Tergeste, sullo scoglio che, più tardi, fu chiamato “Zucco”: di tale faro non si hanno notizie precise. Si sa solo che - intorno al 1300 - lo scoglio ospitò una chiesetta votiva dedicata a San Nicolò. Fino al 1734, non ci sono notizie rilevanti riguardo lo “Zucco”. In quell’anno, il Comandante della Marina Austriaca, Conte Luca Pallavicini, fece c...

Grotta Gigante

varie
Il territorio del Carso comprende migliaia di grotte, alcune delle quali ancora inesplorate: il loro numero è stimato attorno a 6000, di cui circa 2500 in territorio italiano. Tra queste grotte - assai diverse per formazione, dimensioni e profondità - particolarmente interessante è cosiddetta Grotta Gigante, situata nell'omonimo Borgo, a pochi chilometri da Trieste. La Grotta comprende una c...

Tram di Opicina

varie
Dal 1902 esiste a Trieste una trenovia unica nel suo genere; si tratta del Tram di Opicina, che i triestini chiamano "el Tram de Opcina", dal nome della località che il tram raggiunge. Questo tram continua ad essere il tradizionale mezzo per una gita fuori porta. A causa della ripida pendenza, il tram, dopo un breve tratto su una linea normale, viene agganciato a delle motrici che lo issano lungo i...

Foiba di Basovizza

varie
Le foibe sono cavità naturali, ossia pozzi, presenti sul Carso, l’altipiano alle spalle di Trieste e dell'Istria. La cosiddetta "Foiba di Basovizza" è invece un pozzo minerario, scavato ai primi del Novecento per trovare il carbone e presto abbandonato perché improduttivo. Nel maggio del 1945, questa “foiba” fu teatro di una tragedia immane: colpevoli d’essere italiani o comunque contrari al r...

Colle di San Giusto

varie
Il colle di San Giusto domina Trieste dall’alto. Sopra l’altura - presso la Cattedrale - si allarga l’ampia piazza, che è stata il centro della vita politica, sociale e culturale della città fin dall’epoca protostorica e romana. Vari e importanti sono qui i resti di edifici civili romani: la piazza porticata del Foro, di cui s’intravedono solo le pietre del selciato tra due filari di cipressi; la ...

Faro della Vittoria

varie
Nella frase scolpita sul monumento "SPLENDI E RICORDA I CADUTI SUL MARE MCMXV-MCMXVIII" sono sintetizzate le due funzioni del Faro della Vittoria: guidare i naviganti e ricordare i marinai caduti nella Grande Guerra. I lavori ebbero inizio nel febbraio 1923 e durarono quattro anni. Il 24 maggio 1927, il Faro fu inaugurato, alla presenza di Re Vittorio Emanuele lll. Opera dell’architetto Arduino B...

Pagine dei risultati:   1