Login / Registrazione
Sabato 10 Dicembre 2016, Madonna di Loreto
follow us! @travelitalia

Orto Botanico

Trieste / Italia
Vota Orto Botanico!
attualmente: 07.00/10 su 2 voti
La storia dell’orto botanico ha inizio in età medievale, ma è solo dall’inizio del Novecento che, con Carlo de Marchesetti, l’Orto entra a far parte dei beni dei Civici Istituti Scientifici: a questo periodo risalgono i lavori di ampliamento e adattamento, la creazione di percorsi di visita e di ambienti terrestri e lacustri, nonché la selezione delle piante secondo criteri scientifici.
Negli ultimi decenni numerosi sono stati gli interventi manutentivi che hanno interessato la struttura, il cui ruolo è oggi anche di tipo didattico e ricreativo, oltre che scientifico.
Oltre alle normali attività di ricerca e classificazione sistematica, l’Orto svolge opera di conservazione, coltivazione e riproduzione di piante officinali utili, tessili ed alimentari, varietà orticole locali, flora spontanea ed endemica della regione e delle zone adiacenti, piante acquatiche e palustri, piante succulente e cactacee Esso è quindi un’isola, sia pure artificiale, di diversità fioristica, che ha un ruolo strategico nella conservazione della biodiversità, e quindi anche nella sopravvivenza dell'uomo stesso. Per le sue peculiari caratteristiche, l’Orto Botanico offre un habitat ideale a molte specie animali: ecco perché è nato, a cura del WWF di Trieste, il “Progetto Nidi”. Obiettivi del progetto sono la conservazione delle specie animali che naturalmente popolano parchi e giardini, la diffusione di una cultura naturalistica e la possibilità per i visitatori di praticare del birdwatching. Allo scopo sono stati collocati nell’area svariati nidi di diverse tipologie, atti ad ospitare non sono uccelli, ma anche pipistrelli, ricci ed orbettini.
Condividi "Orto Botanico" su facebook o altri social media!