Login / Registrazione
Mercoledì 28 Settembre 2016, San Venceslao
follow us! @travelitalia

Villa Abegg

Torino / Italia
Vota Villa Abegg!
attualmente: 06.86/10 su 7 voti
Poche città vantano, come Torino, itinerari escursionistici a meno di due chilometri dal centro; pochissime offrono, durante tali passeggiate, una varietà di testimonianze storiche e culturali paragonabile a quelle presenti in un itinerario cittadino. A Torino, le passeggiate in collina consentono suggestivi punti di vista sulle Vigne, sulle cappelle private, sui muri di cinta in mattoni e ciottoli di fiume, sui gradini e il paesaggio agrario. Le costruzioni sono generalmente sobrie, a pianta rettangolare, con una disposizione regolare delle aperture. Perlopiù sono di origine sei-settecentesca, il periodo d'oro delle ville coloniali, anche se possono aver subito rimaneggiamenti nel tempo, a causa di danni dovuti alle guerre, o rifacimenti legati ai frequenti passaggi di proprietà. Molto rare sono le Vigne di epoca ottocentesca.
Altrettanto rara è la cura scenografica e il gusto del paesaggio raggiunti nella progettazione di alcune ville "speciali", come la Vigna di madama Reale, oggi Villa Abegg, o la Villa della Regina, le prime residenze reali proiettate all’esterno della città. La Vigna di Madama Reale, "vigna delle delizie", "il palazzo meglio architettato di tutta la montagna di Torino", apparteneva alla Duchessa Maria Cristina di Francia, Madama Reale appunto, che fece ristrutturare un edificio preesistente e vi si trasferì nel 1653; il fabbricato era inserito nella scenografia dei giardini all'italiana impostati sulla conca naturale della collina di San Vito, circondato da boschi dove vivevano animali selvatici ed esotici. Dopo la morte della Duchessa, Villa Abegg passò a diverse congregazioni religiose: solo di recente è diventata proprietà del Comune di Torino.
Condividi "Villa Abegg" su facebook o altri social media!