Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Cittadella

Torino / Italia
Vota Cittadella!
attualmente: 09.50/10 su 4 voti
Dopo lo spostamento della capitale del ducato di Savoia da Chambéry a Torino, il duca Emanuele Filiberto volle equipaggiare la città con un bastione di difesa urbana. La costruzione della cittadella, su progetto di Francesco Paciotto e Francesco Orologi, iniziò nel 1564, ma i lavori furono completati solo 13 anni dopo. Il progetto iniziale prevedeva venti ettari di fortificazioni, che furono però incrementati per far posto alle ulteriori fortificazioni esterne.
La cittadella ha pianta pentagonale, con bastioni ai vertici, e si colloca sul lato sud-ovest della città. È circondata da un ampio fossato asciutto. Al centro si trova un pozzo a doppia rampa elicoidale per garantire l'approvvigionamento dell'acqua in caso di assedio. Nel sottosuolo, si dirama un labirinto di gallerie che si estende anche al di fuori della cittadella, in direzione della campagna: tale opera è formata da una serie di gallerie radiali chiamate “capitali”, distinte a loro volta in capitali alte e capitali basse, sovrapposte. Una galleria correva all'esterno del fossato, collegando tutte le capitali alte. Inoltre, c'erano una serie di cunicoli e gallerie secondarie; infine c'erano piccoli tratti di galleria utilizzati per raggiungere i singoli “fornelli” predisposti per lo scoppio della polvere nera. All'interno della cittadella pentagonale viene scavato un pozzo a doppia rampa che permette, in caso di assedio, un rifornimento idrico costante.
La cittadella ebbe un ruolo importante nella difesa della città e fu demolita nel 1857. Oggi rimangono il Mastio, sede del Museo di Artiglieria e lunghi tratti di gallerie sotterranee (Museo Pietro Micca). Davanti alla Cittadella c'è un cannone, forse proveniente dalla battaglia di Lepanto, e la statua di Pietro Micca, l'eroe che, durante l'assedio di Torino del 1706, si sacrificò per impedire ai Francesi di invadere la città attraverso le gallerie sotterranee.
Condividi "Cittadella" su facebook o altri social media!