Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Teatro Romano

Teramo / Italia
Vota Teatro Romano!
attualmente: 10.00/10 su 3 voti
Edificato in età augustea (30-20 a.C.), il Teatro ha subito nei secoli varie manomissioni, ma resta sempre la più interessante struttura romana dell’area picena. Oggi sono visibili ben 24 pilastri della praecinctio a due ordini di arcate, 20 dei 22 muri radiali di sostegno e un vomitorio con resti di scale collegate al secondo ordine di gradinate che davano l’accesso al Teatro. Dell’orchestra si conserva solo un breve tratto di pavimentazione. Il frontescena è caratterizzato da due grandi nicchie rettangolari su cui si affacciavano due porte che consentivano agli attori di entrare in scena. Statue decorative erano collocate verosimilmente dentro le nicchie.
La cavea, del diametro di circa 78 metri poteva ospitare circa 3000 spettatori ed era sostenuta da una struttura interamente artificiale, in opera quadrata e cementizia. La facciata esterna doveva presentare in origine due piani sovrapposti, dei quali si conserva gran parte di quello inferiore, costituito da arcate su pilastri in opera quadrata. Le volte che sostenevano la cavea erano in opera cementizia. Della scena e dell'orchestra è scavato solo il tratto orientale. Il pulpitum, l'alzato del palcoscenico, è decorato con nicchie alternativamente di pianta rettangolare e semicircolare, una sola delle quali è ancora visibile. La ricca decorazione della scena, insieme ai caratteri architettonici e edilizi, confermano una datazione dell'edificio ai primi decenni dell'età augustea. Si tratta di una serie di cornici con mensole e di frammenti di capitelli, oltre ai resti di un grande iscrizione, non decifrabile, e a una statua femminile in marmo, acefala.
I pilastri e parte del muro sono stati realizzati in muratura a blocchi quadrati di pietra grossa tufacea, messi in opera con interposizione di malta, mentre il restante è in opus incertum. Ancor'oggi il teatro viene utilizzato per eventi culturali.
Condividi "Teatro Romano" su facebook o altri social media!