Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Palazzo Comunale

Spoleto / Italia
Vota Palazzo Comunale!
attualmente: 08.00/10 su 1 voti
Preceduto da un’ampia scalinata, il Palazzo del Comune prospetta sulla piazza omonima, nella zona più antica della città. L’edificio risale al Duecento e fu ampliato nella prima metà del Quattrocento, per volere di papa Niccolò V che vi soggiornò con la famiglia. Della costruzione duecentesca rimane solo la torre, fino alla cella campanaria. Danneggiato dal terremoto del 1703, il palazzo fu lentamente ricostruito sui resti del Palazzo del Podestà e del Capitano del Popolo e di altre case medioevali.
L’aspetto attuale risale alla fine del Settecento. La facciata settentrionale è opera di G. Bedetti e Anton M. Ferrari (1784), mentre quella meridionale è stata realizzata, su disegno di Francesco A. Amadio, a partire dal 1786. L’Amadio ha integrato ed alleggerito la severa torre duecentesca con l’andamento mistilineo del cornicione; l’ala occidentale di stile falso-antico è stata aggiunta nel 1913.
La facciata settentrionale è ornata nel piano nobile da stemmi appartenenti alle famiglie dei personaggi illustri che vi dimorarono; poco distante una piccola porta dava accesso al Monte di Pietà, istituito nel 1469 ed ora incluso nel palazzo. Degli affreschi che dovevano impreziosire l’interno rimane ben poco; le sale del piano superiore sono state decorate da Giuseppe Moscatelli e Benigno Peruzzi alla fine dell’Ottocento.
Il Palazzo ospita la Pinacoteca Comunale, fondata da P. Fontana nel primo Ottocento, che raccoglie opere dal XII al XVIII secolo, compresi alcuni affreschi dello Spagna.
Condividi "Palazzo Comunale" su facebook o altri social media!