Login / Registrazione
Sabato 10 Dicembre 2016, Madonna di Loreto
follow us! @travelitalia

Villa Quadrio

Sondrio / Italia
Vota Villa Quadrio!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
Emilio Quadrio, scrittore, giornalista, editore e personaggio politicamente impegnato in contatto con gli ambienti della sinistra lombarda, fece costruire la villa tra il 1913 e il 1914. La progettazione dell’edificio fu affidata al milanese Adolfo Zacchi, esponente di un’architettura tesa a recuperare gli stili storici.
La costruzione – che sorge in Via IV Novembre – ha un impianto ispirato ai palazzi rinascimentali e richiama in particolare la villa romana della Farnesina. Oltre a riprendere elementi architettonici propri del periodo, lo Zacchi attinse al vasto repertorio decorativo del Rinascimento, ad esempio per le cornici marcapiano e le decorazioni delle finestre in cotto, per i motivi a graffito che coprono le facciate e per la forma dei comignoli.
All’interno, dopo l’atrio, vi è un locale che contiene una loggia in legno del secolo XVII proveniente dalla chiesetta dell’Angelo Custode; oltre questo locale si trova il grande salone dei concerti, con un ricco soffitto decorato da stucchi. In una sala adiacente fu sistemata una bella “stüa” cinque-seicentesca proveniente da una casa della famiglia Carbonera.
La storia più recente della Villa è legata a Teresina Tua, seconda moglie del Quadrio. Valente violinista, la Tua era apprezzata dai più celebri compositori del tempo e il suo talento era conosciuto a livello internazionale. Nel 1935 la Tua donò la Villa al Comune di Sondrio, vincolandone l’uso a scopi culturali. Attualmente Villa Quadrio ospita la Società Storica Valtellinese, nonché la Civica Biblioteca, dedicata al filologo e letterato Pio Rajna.
Condividi "Villa Quadrio" su facebook o altri social media!