Login / Registrazione
Mercoledì 28 Settembre 2016, San Venceslao
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Nicolò dei Cordari

Siracusa / Italia
Vota Chiesa di San Nicolò dei Cordari!
attualmente: 08.00/10 su 2 voti
La piccola Chiesa di San Nicolò dei Cordari si trova all’entrata del Parco Archeologico Neapolis. La basilica risale alla seconda metà del secolo XI ed è opera normanna. Fu tra le prime chiese di Siracusa a essere costruita, dopo la cacciata degli Arabi e la ripresa della fede cristiana. Nel 1557 la chiesa fu donata alla corporazione dei Cordari, che avevano nei pressi il loro cantiere: la cosiddetta Grotta dei Cordari.
L’intero edificio è severo ed essenziale. L’esterno si caratterizza per i due elementi dell’antica struttura che ancora rimangono: l’abside semicircolare, con tre finestrelle, e il piccolo portale laterale. L’interno, a navata unica, è chiuso a est dall’abside di cui si è detto. La sala è rettangolare e sostanzialmente priva di decorazioni. La chiesa è ricordata nella storia, perché nel 1093 vi si celebrarono i funerali di Giordano, figlio di Ruggero d’Altavilla, e perché, nel 1672, fu adibita a fossa comune, per i morti della terribile carestia che colpì la zona.
Sotto la chiesa si trova una grande aula di metri 20 x 7 – tripartita da pilastri – che in periodo romano serviva forse da piscina, sicuramente come serbatoio per la raccolta delle acque. Queste, attraverso un condotto, erano fatte defluire nell'Anfiteatro, sia per le pulizie, sia per le naumachie (battaglie navali) che si svolgevano nell’arena. In epoca paleocristiana e bizantina l'ambiente sotterraneo fu adibito a luogo di culto; nel Seicento fu anche luogo di sepoltura comunale.
Condividi "Chiesa di San Nicolò dei Cordari" su facebook o altri social media!