Login / Registrazione
Martedì 6 Dicembre 2016, San Nicola
follow us! @travelitalia

Musei di Siena

Siena / Italia
Vota Musei di Siena!
attualmente: senza voti.
COLLEZIONE CHIGI-SARACINI
Via di Città 89

La Collezione presenta vari dipinti che vanno dal XIII al XVII secolo in prevalenza senesi, sculture, reperti archeologici, disegni, stampe, mobili. Le opere ed i pezzi sono stati collezionati da Galgano Saracini, secondo il gusto delle quadrerie di fine Settecento.

musei DI CONTRADA

Ognuna delle 17 contrade di Siena possiede un piccolo museo sulla storia e le tradizioni della contrada stessa. I 17 musei rappresentano quindi un patrimonio eccezionale sulla storia e le tradizioni dell’intera città. Il pezzo più prezioso di ogni museo di contrada è indubbiamente Il Palio (o i Palii) in senso stretto, ossia il drappo ottenuto con la vittoria nella famosa gara, impreziosito dai pennelli dei più noti pittori contemporanei. In questi musei sono anche custoditi preziose opere di gioielleria in oro e argento, raccolte di archivio, lettere e contabilità molto antiche. Le collezioni sono arricchite da statue e tele pregevoli di antichi maestri, quali Neroccio di Bartolomeo, Jacopo della Quercia, Benvenuto di Giovanni ed altri. Spesso sono presenti paramenti sacri, briglie di cavalli da corsa, doni di personaggi celebri, reliquie di santi, elmetti indossati da celebri fantini, busti di personaggi di rango. Sulle pareti spesso vi sono affreschi che testimoniano fatti storici di cui la contrada è stata protagonista.

MUSEO CASSIOLI
Via Mameli

Raccoglie tele e disegni di Amos e Giuseppe Cassioli, che illustrano aspetti poco noti del nostro Ottocento ed inizio Novecento.

MUSEO AURELIO CASTELLI
c/o Basilica dell’Osservanza

Aperto nel 1920 presso la Basilica dell’Osservanza, il museo contiene opere d’arte che andarono disperse nei primi anni dell’Ottocento - quando i decreti napoleonici soppressero ordini religiosi, chiese e conventi - e che furono poi raccolte da Aurelio Castelli. Fra le opere raccolte, spiccano per importanza: la pietra tombale di Niccolò Piccolomini (1476), forse di Antonio Federighi; l'affresco del Giudizio Universale, opera di Girolamo Benvenuti; 17 antifonari miniati da Fra’ Giovanni da Siena e Fra’ Jacopo Torelli (XV sec.), il reliquiario di San Bernardino, realizzato dall'orafo Francesco d'Antonio (1462); paramenti sacri dei secoli XV-XVII; ed infine, il prezioso trattato De animalibus di Alberto Magno (XIII secolo), la cui prima pagina fu miniata da Francesco di Giorgio Martini.

MUSEO Bologna-BUONSIGNORI
Via Roma, 50

Aperto nel 1983, fa parte del complesso di musei della Società di Esecutori di Pie Disposizioni. Sono esposti vari reperti archeologici di epoche diverse, dipinti che vanno dal XV al XX secolo, disegni, ceramiche, mobili. Preziosi sono i pezzi di ceramica etrusca d’impasto e di ceramica italo-geometrica, le ceramiche etrusco-corinzie, quelle lucane, campane e i vasi attici; e ancora, oreficerie, maioliche, armi monete ed altri oggetti d’arte.

MUSEO D’ARTE PER BAMBINI
Via dei Pìspini, 164

Rappresenta una realtà unica sul territorio italiano per il rapporto infanzia/arte. Concepito come luogo di apprendimento delle tecniche e della sperimentazione sui materiali, permette il contatto diretto con personalità del mondo dell’arte.

MUSEO DELLA SOCIETÀ DI ESECUTORI DI PIE DISPOSIZIONI
Via Roma, 71

Il Museo contiene un’interessante raccolta di opere pittoriche di arte senese, costituita da varie donazioni effettuate alla Società di Esecutori di Pie Disposizioni, una delle più antiche confraternite laicali di Siena.

MUSEO DELLE TAVOLETTE DI BICCHERNA
c/o Archivio di Stato
Palazzo Piccolomini

Oltre ai documenti d'archivio miniati, il Museo espone una raccolta di grande interesse ed unica al mondo: quella delle tavolette di Biccherna e Gabella, antiche amministrazioni finanziarie senesi. Di legno dipinto, le tavolette venivano usate come copertura dei registri contabili. Sono in mostra 105 tavolette miniate da sommi artisti, quali Ambrogio Lorenzetti, Francesco di Giorgio Martini e Domenico Beccafumi.
Condividi "Musei di Siena" su facebook o altri social media!