Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Processione del Venerdì Santo

Il Venerdì Santo prima della Pasqua si svolge la Processione delle Confraternite (associazioni di persone accomunate da regole religiose che risalgono al ‘200, anche con scopi di assistenza). La Processione, che deriva dalle antiche flagellazioni penitenziali, si tiene negli anni pari e rappresenta scene della vita di Gesù attraverso le “casse”, gruppi scultorei lignei portati a spalla (un decreto vescovile del 1813 ne stabilisce l’ordine e le regole). Partecipano gli Oratori :
  1. di Nostra Signora di Castello con “Cristo Morto” (XVII secolo), “Deposizione dalla Croce” (1795 del Martinengo), “Pietà” (1833 del Murialdo);
  2. del Cristo Risorto: “Annunciazione” e “Addolorata” (XVIII, entrambe del Maragliano), “Deposizione nel sepolcro” (1866 del Brilla);
  3. dei Santi Giovanni Battista, Giovanni Evangelista e Petronilla: “Nostro Signore nell’Orto”, “Cristo al palo”, Cristo in Croce” (1728, tutte del Maragliano; dell’ultima c’è la copia ridotta del Brilla del 1881) e “Promessa del Redentore” (XVII secolo, del Martinengo);
  4. dei Santi Pietro e Caterina: “Flagellazione” e “Gesù aiutato dal Cireneo” (XVII secolo) e “Ecce Homo” (1978, di Renata Cuneo);
  5. dei Santi Agostino e Monica: “Incoronazione di spine” (XVII secolo del Maragliano) e “Bacio di Giuda” (1926 del Runggaldier);
  6. di San Dalmazio: “Il miracolo di San Dalmazio” (1739).
Per consentire il riposo ai “portatori”, il percorso si svolge a intervalli, comunicati con colpi di martello sulla stanga che regge la “cassa”. Gruppi corali e strumentali eseguono melodie della Quaresima, pastorali, canti gregoriani e “mottetti” di autori savonesi.
Condividi "Processione del Venerdì Santo" su facebook o altri social media!