Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Musei di Sassari

Sassari / Italia
Vota Musei di Sassari!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
COLLEZIONE SIRONI
c/o Banco di Sardegna
Viale Umberto
La collezione comprende quarantadue opere, in gran parte inedite, realizzate da Mario Sironi tra il 1926 e il 1958. Si tratta di oli, tempere, tecniche miste, disegni e sculture del grande artista del Novecento, tra cui spiccano la grande Allegoria del lavoro, il Mosè, lo Studio per affresco, lo Studio per decorazione d'interno e la Composizione astratta.

MUSEO DIOCESANO
Piazza Duomo
Nella sagrestia aragonese del Duomo, è ospitata la sezione ori, argenti e paramenti. Sono qui esposti parati d’altare, preziosi oggetti liturgici storicamente appartenenti al Duomo e ciò che resta dei gioielli dell’Assunta, acquisiti fra il XVI e il XX secolo.
Le altre due sezioni sono ospitate nella Chiesa di San Michele, che accoglie dipinti dal XVI al XVIII secolo e sculture dal XVII al XIX secolo, tra cui il letto dell’Assunta nella figurazione della Dormitio Virginis. Nella cripta è la sezione archeologica e della pietà popolare, con reperti della fase romanica gotica, lapidi tombali e reperti ceramici, vitrei e metallici, oggetti devozionali ed elementi di abbigliamento.

MUSEO ETNOGRAFICO “FRANCESCO BANDE”
Via Muroni, 44
Francesco Bande (1930-1988) fu un famoso fisarmonicista e organettista di Bultei, che ha promosso e diffuso le tradizioni popolari sarde. Nel Museo sono esposti costumi di scena e i più caratteristici costumi tradizionali sardi: vi si ammirano bellissimi giubbetti ricamati, busti, merletti, scialli e fazzoletti usati dalle donne per coprirsi il capo. In una seconda ala del Museo sono esposti gli strumenti musicali appartenuti al Maestro.

MUSEO NAZIONALE “GIOVANNI ANTONIO SANNA”
Via Roma, 64
E’ il principale museo della Sardegna centro-settentrionale, sia per dimensioni, sia per l’importanza scientifica delle sue raccolte. Si divide in tre sezioni:
  • La sezione archeologica, con reperti che vanno dal Paleolitico al Basso Medioevo. Particolare risalto è dato all’altare di Monte d’Accoddi, alle sepolture ipogeiche, alle tombe dei giganti e ai dolmen. L’età nuragica è presente con manufatti ceramici e bronzetti; quella storica con reperti relativi alle dominazioni fenicio-punica, romana, bizantina, e al periodo dell’Alto e Basso Medioevo.
  • La Pinacoteca ospita oltre 360 dipinti che vanno dal XIV secolo all’età contemporanea. Nella Sala conferenze sono presenti quattro splendidi mosaici romani provenienti da Sorso e Alghero.
  • La sezione etnografica espone oggetti della vita quotidiana di un tempo, nonché attrezzi relativi all’attività artigianale e agli antichi mestieri dell’area sassarese, oltre a costumi tradizionali, a gioielli, a strumenti musicali e a oggetti folcloristici provenienti dalle diverse località della Sardegna.


MUSEO STORICO DELLA BRIGATA Sassari
c/o Caserma “La Marmora”
Piazza Castello, 9
Inaugurato nel 1992, il Museo è dedicato alla Brigata Sassari, unità tattica reclutata su base regionale che fu esempio unico per compattezza e valore militare, soprattutto nella prima guerra mondiale. Conserva ed espone cimeli, fotografie, documenti, mappe, residuati bellici, uniformi, nonché la ricostruzione su scala naturale di una trincea, con reticolato e sacchi di sabbia.

PINACOTECA AL CANOPOLENO MUS’A – MUSEO SASSARI ARTE
Piazza Santa Caterina, 4
Costituita di recente, presenta molte opere d’arte pervenute da donazioni private. Su tre piani sono disposte oltre quattrocento opere, specialmente pittoriche, divise su temi che spaziano dalla religione, alla mitologia, alla storia, alle nature morte ecc. All’interno del tema, le opere sono organizzate in ordine cronologico: documentano così la produzione di diverse scuole e artisti, dal Medioevo al Novecento.
Condividi "Musei di Sassari" su facebook o altri social media!