Login / Registrazione
Martedì 24 Ottobre 2017, Beato Luigi Guanella
follow us! @travelitalia
 

Sardegna

 
Regione dell'Italia insulare, è situata nel Mare Tirreno poco a sud della Corsica. Il mare a ovest della costa prende il nome di Mar di Sardegna. Prevalentemente montuosa, la Sardegna è percorsa in direzione sud-ovest dalla piana del Campidano che separa i rilievi centro-settentrionali dai monti dell'Iglesiente. Da nord si distinguono i monti Limbara, i Monti Alà, il Monte Albo e le Dolomiti di Oliena. I rilievi culminano nel massiccio del Gennargentu. I monti dell'Iglesiente digradano invece verso sud con minori altitudini. Le coste, per complessivi 2400 km, alternano litorali sabbiosi a tratti rocciosi e frastagliati, accompagnate da isole fra cui l’Asinara, La Maddalena, Caprera. Le coste si articolano nei Golfi dell'Asinara, di Orosei, di Cagliari a sud e di Oristano a ovest. Negli ultimi decenni sono state bonificate le zone paludose occidentali e meridionali. Principali corsi d'acqua a carattere torrentizio sono il FIumendosa, il Coghinas e il Tirso, sui quali sono state realizzate grandi dighe. Il clima è mite sulle coste e nelle basse regioni interne, con forti venti invernali.

Regione autonoma a statuto speciale, la Sardegna ha caratteristiche etniche e linguistiche che la differenziano profondamente dalle altre Regioni italiane. La popolazione si accentra nelle aree dell'interno, conseguenza di un processo secolare, frazionata in gran parte in centri con meno di 10.000 abitanti. La densità media regionale risulta fra le più basse del Paese. Oggi appare in calo l'emigrazione, indirizzatasi nel secondo dopoguerra verso i centri produttivi del nord, raramente all'estero; la situazione demografica sembra stabilizzata, pur non registrando un significativo aumento.

L'economia è differenziata e in fase di trasformazione, non priva di squilibri interni ed esposta alla crisi di attività tradizionali. L'industria svolge un ruolo ancora modesto, legata essenzialmente al settore agro-alimentare e a quello energetico. Di qualche importanza sono i complessi petrolchimici di Porto Torres e Cagliari, quello chimico-tessile di Ottana, quello siderurgico di Porto Vesme. Accanto all'industria hanno trovato spazio alcune attività artigianali come la produzione di tappeti e di ceramiche che però assorbono una ristretta manodopera. Grande rilievo hanno invece acquistato le attività terziarie dell'amministrazione e commerciali e soprattutto il turismo, il cui apporto economico varia tuttavia secondo le aree. L'agricoltura, con la produzione di carciofi e vini, mantiene caratteri agricolo-pastorali, risentendo della perdita di addetti a favore di altre attività. Di notevole incidenza è l'allevamento ovino che alimenta la produzione casearia. Irrilevanti le risorse della pesca.
 

Cagliari

Nel suo romanzo Tutto il miele è finito, Carlo Levi dipinge Cagliari con queste stupende, poetiche pennellate: «È una città bellissima, aspra, pietrosa, con mutevoli colori tra le rocce, la pianura africana, le lagune, con una storia tutta scritta e apparente nelle pietre, come i segni del tempo su un viso: preistorica e storica, capitale dei Sardi e capitale coloniale di Aragonesi e di Piemontesi, una delle più distrutte dai bombardamenti dell'ultima guerra e, in pochi anni, una delle più c...

Sassari

«È una città veramente diversa da tutte le nostre di montagna e pianura ... mi pare di essere nel quartiere europeo d'una immensa città di colore che sfumi lontanissima in sobborghi di tende e capanne. Specie se alzo gli occhi a questi tetti piatti, privi di cornicioni, spesso merlati, nello stile coloniale spagnolo. E alle cupole che appaiono dietro alle basse fabbriche di qualche piazza, come ombrelli spalancati. O ai campanili, ora slanciati e rotondi ma tronchi come minareti di Persia, ora a ...
 
Altre regioni d'Italia: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto.