Login / Registrazione
Sabato 25 Ottobre 2014, SS. Crispino di Soissons e Crispiniano
follow us! @travelitalia

SS. Perpetua e Felicita

Martiri - 7/3

 
Vibia Perpetua era una giovane sposa e madre cristiana, di nobile origine. Nel corso di una persecuzione, fu incarcerata a Cartagine nei primi anni del III secolo, e in carcere scrisse il diario dei suoi ultimi drammatici giorni, dall’arresto al supplizio. Il padre di Perpetua era pagano e cercò in tutti i modi di convincere la figlia all’abiura, facendo leva anche sul fatto che Perpetua aveva un figlio in tenera età. Ma Perpetua fu irremovibile e mantenne la fede. Con lei furono incarcerati altri catecumeni, tra cui Saturnino, Revocato, e Felicita, giovane schiava della famiglia di Perpetua. Morirono tutti come martiri, il 7 marzo del 203, nell’anfiteatro di Cartagine. Perpetua e Felicita furono sospese ad una rete e le loro carni furono lacerate dalle corna di una giovenca infuriata; le due giovani, ridotte a brandelli, furono quindi passate a fil di spada. Così narra la Passione di Perpetua e Felicita, libro basato sul diario di Perpetua, e completato successivamente, forse da Tertulliano.