Login / Registrazione
Lunedì 18 Dicembre 2017, SS. Rufo e Zosimo
follow us! @travelitalia

Sant'Ambrogio

Vescovo e dottore della Chiesa - 7/12

 
Figlio di un prefetto romano della Gallia, Ambrogio nacque a Treviri verso il 340, e divenne vescovo di Milano, per volontà popolare, nel 374. Nel giro di una settimana fu battezzato e consacrato. Donò ai poveri le sue ricchezze e alla Chiesa le sue proprietà terriere; in poco tempo, studiò a fondo la dottrina cristiana e in particolare la Bibbia. Pur essendo diventato dottore della Chiesa, Ambrogio non fu mai un intellettuale: era e restò soprattutto un buon amministratore. Fu consigliere e padre spirituale degli imperatori Graziano, Valentiniano II e Teodosio I. Dopo le persecuzioni e la clandestinità, iniziava per la cristianità un periodo di rapporti seri e corretti col potere politico. Ambrogio curava anzitutto la propria comunità, e si rivolgeva al suo gregge con frequenti omelie; di queste omelie ci restano i suoi Commentari esegetici, specchio d’arte oratoria, ma anche della cultura e della sensibilità del grande vescovo. Altra opera importante è il De officiis ministrorum, in cui il vescovo sostiene e dimostra che il cristianesimo può convivere con i valori morali espressi dal mondo romano. Ambrogio ha composto anche alcuni inni religiosi, tuttora presenti nel rito ambrosiano. Morì a Milano il 4 aprile dell'anno 397.