Giovedì 21 Giugno 2018, San Luigi Gonzaga
follow us! @travelitalia

San Giovanni della Croce

Sacerdote e dottore della Chiesa - 14/12

 
Giovanni nacque nel 1542 a Fontiveros e restò orfano di padre in tenera età. Dopo un periodo trascorso in un orfanotrofio a Medina, imparò vari mestieri manuali, ma per questi non sentiva alcuna attrazione. Entrò nell’ordine carmelitano a ventun anni, ma ne uscì deluso. Meditava di passare ai certosini, quando conobbe Santa Teresa d’Avila, la riformatrice delle carmelitane. Il giovane frate era piccolo di statura e fisicamente insignificante, ma colpì la santa per la sua serietà e la sua ricchezza interiore: era l’uomo che Teresa cercava per estendere la riforma carmelitana ai conventi maschili. Ordinato sacerdote nel 1567, cambiò il suo nome in Giovanni della Croce e pose mano alla riforma, fondando un primo convento dei Carmelitani scalzi a Durvelo. La riforma fu avversata dai Carmelitani dell’Osservanza non riformati e Giovanni fu maltrattato e diffamato. Nel 1577 fu perfino incarcerato a Toledo: la cella era buia, gelida d’inverno e soffocante d’estate e Giovanni vi passò più di otto mesi, in completo isolamento. Ma in questo isolamento, Giovanni crebbe spiritualmente e scrisse alcune fra le migliori poesie spirituali: Notte oscura dell'anima, Salita al Monte Carmelo, Cantico spirituale e Fiamma d'amor viva. Morto il 14 dicembre 1591, Giovanni della Croce fu beatificato nel 1675 e canonizzato nel 1726. Nel 1926 Pio XI gli conferì il titolo di dottore della Chiesa.