Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Acquedotto Medievale

Salerno / Italia
Vota Acquedotto Medievale!
attualmente: 08.00/10 su 5 voti
L’antico acquedotto di Salerno fu costruito dai Longobardi nel VII-VIII secolo, e restaurato più tardi in epoca normanna, per fornire acqua ai Monasteri di San Benedetto e Piantanova. La struttura si divide in due rami: uno con direzione nord-sud, l’altro con direzione est-ovest, che s’incontrano nell’attuale incrocio formato da Via Arce, Via Gonzaga, Via Velia e Via Fieravecchia.
L’opera è notevole: è uno dei primissimi manufatti del genere in Italia, in cui sia stato utilizzato l’arco a ogiva. Essa presenta, infatti, due ordini di arcate a sesto acuto sorrette da possenti piloni in muratura. Le antiche strutture dell’acquedotto appaiono oggi inglobate nel moderno assetto urbanistico della città, circondate da strade e edifici.
L’acquedotto è anche noto come “Ponte del Diavolo”, perché, secondo una leggenda popolare, sarebbe stato costruito in una sola notte dal mago salernitano Pietro Barliario, con l’aiuto di una squadra di demoni, concessi per l’occasione da Lucifero. La stessa leggenda narra che, sotto le arcate dell’acquedotto, si sarebbero incontrati i quattro mitici fondatori della Scuola Medica Salernitana (il greco Ponto, l’ebreo Elino, il latino Salerno e un arabo).
Condividi "Acquedotto Medievale" su facebook o altri social media!