Login / Registrazione
Sabato 3 Dicembre 2016, San Francesco Saverio
follow us! @travelitalia

Palazzo Manfredini al Duomo

Rovigo / Italia
Vota Palazzo Manfredini al Duomo!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
Palazzo Manfredini prospetta, appunto, su Piazza Duomo. Delle origini di questo palazzo non si hanno notizie certe: il documento datato più antico che ne assicura l’esistenza è 1748. L’epoca di costruzione è pure incerta: se la severa compostezza dell’insieme richiama il Cinquecento, il gioco delle finestre esterne della facciata e il poggiolo con balaustre a sezione quadrata fanno pensare a interventi posteriori. L’ipotesi più accreditata è che l’edificio sia il risultato di un intervento di modifica, compiuto nel Settecento su una struttura più antica.
Sicuramente il palazzo fu testimone di alcuni episodi di storia rodigina. Nel maggio 1797 vi prese alloggio il generale G.B. Rusca, al quale Napoleone aveva affidato il comando militare del Polesine. Trasferiti i Manfredini a Ferrara agli inizi dell’Ottocento, nel 1824 il veneziano Francesco Andreola vi allestì una tipografia. Nel 1866 vi furono sistemati cinquanta vecchi malati, allontanati dalla Casa di Ricovero di San Bortolo che veniva trasformata in Ospedale militare. Alla fine dell’Ottocento, vi fu sistemato l’archivio notarile. Dopo la Grande Guerra l’edificio fu adibito a Casa del Popolo, sede delle organizzazioni cattoliche, soppresse nel 1925. Nel 1926 il Palazzo fu acquistato dal Sindacato fascista degli agricoltori e nel 1953, dall’Associazione Agricoltori della Provincia di Rovigo. In quest’occasione vennero avviati lavori di restauro ma anche di adattamento dell’interno, che in più riprese, modificarono sensibilmente il piano superiore. La facciata principale subì alcuna variazione; qualche modifica, invece, si ebbe sul fianco meridionale, danneggiata dagli eventi bellici.
Condividi "Palazzo Manfredini al Duomo" su facebook o altri social media!