Login / Registrazione
Giovedì 8 Dicembre 2016, Immacolata concezione
follow us! @travelitalia

Complesso di San Bartolomeo

Rovigo / Italia
Vota Complesso di San Bartolomeo!
attualmente: 06.50/10 su 4 voti
Il complesso di San Bartolomeo, uno dei luoghi più suggestivi di Rovigo, è costituito dalla Chiesa e dall’ex Monastero Olivetano. Le sue origini risalgono al Duecento, ma il massimo splendore viene raggiunto nel Cinque-Seicento, quando i corpi di fabbrica si estesero attorno a due chiostri e due cortili.
Il monastero, detto popolarmente di San Bortolo, fu fondato prima del 1255 dalla congregazione degli Umiliati, dei quali si perde ogni traccia dopo il 1436. Nel convento, la potente famiglia rodigina dei Roverella introdusse monaci dell’ordine olivetano nel 1474: nel 1480 iniziò la demolizione del vecchio convento e la costruzione del nuovo, con un magnifico chiostro di forme rinascimentali, opera dell’architetto ferrarese Biagio Rossetti.
La costruzione della chiesa, intitolata a San Bartolomeo Apostolo, risale alla metà del Cinquecento. Alla fine del secolo fu completato il campanile. La chiesa presenta all’esterno linee semplici e, all’interno, una navata decorato con gusto barocco.
Nel Seicento il monastero venne ampliato e fu costruito il secondo chiostro; nel 1810 gli Olivetani furono allontanati da Rovigo, a seguito dei decreti napoleonici, e il complesso lentamente decadde. Donato nel 1884 al Comune di Rovigo, il monastero fu adibito a casa di ricovero e, solo nel 1979, fu destinato a sede del Museo Civico delle Civiltà in Polesine; oggi ospita il Museo dei Grandi Fiumi e la Mostra storico–documentaria su Giacomo Matteotti, recentemente restaurata.
Condividi "Complesso di San Bartolomeo" su facebook o altri social media!