Login / Registrazione
Sabato 1 Ottobre 2016, Santa Teresa di Lisieux di Gesù Bambino
follow us! @travelitalia

Musei Vaticani

Roma / Italia
Vota Musei Vaticani!
attualmente: 09.00/10 su 10 voti
Si trovano nella Città del Vaticano e sono uno dei complessi d’arte più importanti al mondo, per il magnifico contesto e la grandiosità degli edifici che li ospitano, ma soprattutto per la varietà e la ricchezza delle collezioni che conservano. Il nucleo originario delle opere dei musei Vaticani è formato dalla raccolta di sculture che furono esposte nel "Cortile delle Statue", oggi chiamato Cortile Ottagono, per volontà di Giulio II, papa dal 1503 al 1513. Clemente XIV e Pio VI allestirono le prime raccolte dei musei e delle Gallerie Pontificie, mentre Pio VII arricchì la Raccolta Epigrafica e ampliò le sale dedicate alle Antichità Classiche, aggiungendovi il Museo Chiaramonti con le sale del Corridoio, della galleria Lapidaria e del Braccio Nuovo dove sono ospitate una serie di statue, busti, sarcofagi e rilievi con oltre 5000 iscrizioni pagane e cristiane, ed alcune delle opere più note dell'antichità come la statua di "Augusto di Prima Porta", la colossale statua del Nilo ed il Doriforo. Gregorio XVI fondò il Museo Etrusco e il Museo Egizio, per raccogliere le opere provenienti da scavi ed esplorazioni effettuati in Etruria ed in Egitto.
L'organizzazione attuale dei Musei Vaticani si deve alla volontà di Pio IX e Pio X che aggiunsero rispettivamente il Museo Cristiano ed il Lapidario Ebraico, formati con le iscrizioni e le sculture provenienti dai cimiteri cristiani ed ebraici di Roma. Fanno parte inoltre delle sale dei Musei Vaticani:
  • La Galleria degli Arazzi, allestita a partire dal 1814 d.C. negli ambienti decorati durante il pontificato di Pio VI. Contiene una raccolta di arazzi di diverse fabbriche dei secoli XVI e XVII;
  • La Galleria delle Carte Geografiche, con le carte dipinte sulle pareti in quaranta riquadri, decorata sotto Gregorio XIII e restaurata durante il papato di Urbano VIII.
  • La sala Sobieski, così chiamata dal dipinto di Giovanni III Sobieski, re di Polonia, che occupa un’intera parete;
  • La Sala dell'Immacolata, situata nella torre Borgia, contenente affreschi sul dogma dell'Immacolata Concezione;
  • Le Stanze e la loggia di Raffaello, fatte decorare da Giulio II e Leone X;
  • La Cappella Sistina che prende il nome dal fondatore Sisto IV ed ospita i celeberrimi affreschi di Michelangelo nella volta e sulla parete di fondo, con il "Giudizio Universale";
  • La Cappella del Beato Angelico, dipinta sotto il pontificato di Nicolò V;
  • L'Appartamento Borgia, già abitazione di Alessandro IV Borgia, e decorato da affreschi del Pinturicchio, ispirati al mondo classico e alla mitologia romana. L’appartamento è stato restaurato e aperto al pubblico da Leone XIII nel 1897;
  • La Pinacoteca Vaticana, collocata da Pio XI nel 1932 in un apposito edificio presso il nuovo ingresso dei Musei.
  • Il Museo Missionario-Etnologico fondato da Pio XI, ordinato inizialmente nei piani superiori del PalazzoLateranense ed in seguito trasportato, per volere di Giovanni XXIII, nello stesso edificio dove sono esposte anche le collezioni ex-Lateranensi.
  • La Collezione d'Arte Religiosa Moderna e Contemporanea, voluta da Paolo VI ed il Padiglione delle Carrozze allestito nel 1973 negli ambienti ricavati presso il Giardino Quadrato.
  • Il Museo Storico, fondato nel 1973, trasferito nel 1987 nell'Appartamento Papale del Palazzo Lateranense, raccoglie una serie iconografica dei Papi e cimeli dei Corpi Militari Pontifici e della Cappella e Famiglia Pontificia.
Condividi "Musei Vaticani" su facebook o altri social media!