Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Mausoleo di Augusto

Roma / Italia
Vota Mausoleo di Augusto!
attualmente: 09.00/10 su 8 voti
Dopo la vittoria di Azio (31 a.C.) e la sottomissione di Cleopatra e Marco Antonio, Ottaviano - non ancora Cesare Augusto - decise la costruzione di una splendida tomba. Narra Svetonio che il futuro imperatore aveva visitato in Egitto la tomba di Alessandro Magno e che ad essa probabilmente si ispirò per la costruzione della tomba dinastica della gens Giulio-Claudia, emblema immortale della sua famiglia e del suo potere dinastico. Il luogo prescelto per la costruzione della tomba fu il Campo Marzio settentrionale, in cui gi si trovavano tombe di uomini illustri.
La tomba di Augusto sarà chiamata Mausoleo, per la sua eccezionale sontuosità. Nel mondo antico, la tomba di Augusto non aveva pari: era circolare, si stendeva su quasi un ettaro di terreno, era in origine rivestita di marmo bianco. La stanza centrale, dove riposava l’urna più importante, era circondata da un anello di nicchie destinate a ospitare i resti di altri membri della famiglia. La tomba era sovrastata da due tamburi circolari, posti l’uno sull’altro e ricoperti di terra a formare una collinetta con cipressi, seguendo l’esempio delle tombe etrusche. In cima svettava una statua dell’Imperatore. All’ingresso vi erano due obelischi (copie romane), ora a Piazza dell’Esquilino e a Piazza del Quirinale.
Nel X secolo, l’edificio fu trasformato in fortezza dalla famiglia romana dei Colonna. Nel 1354, vi fu bruciato il corpo di Cola di Rienzo. Nel XVI secolo la tomba è trasformata in giardino ornamentale. Infine, nel XVII secolo, un anfiteatro di legno viene costruito tutto intorno, trasformando il Mausoleo in arena per le corride.
Il monumento viene definitivamente liberato dagli scavi del 1936, ma non si presta ad una facile ricostruzione. La complessa struttura a piani sovrapposti è determinata da un basamento in travertino, alto 12 metri, sul quale poggia l'edificio circolare composto da sette anelli concentrici, collegati tra loro da muri radiali. Davanti all'ingresso furono posti i due pilastri con affisse le lastre bronzee sulle quali era incisa l'autobiografia ufficiale dell'imperatore. La stessa che, ritrovata su altri importanti edifici delle province imperiali, fu trascritta sul fianco dell'edificio che fino a poco tempo fa custodiva l'Ara Pacis.
Condividi "Mausoleo di Augusto" su facebook o altri social media!