Login / Registrazione
Domenica 4 Dicembre 2016, San Giovanni Damasceno
follow us! @travelitalia

Anfiteatro Romano

Rimini / Italia
Vota Anfiteatro Romano!
attualmente: 10.00/10 su 3 voti
Con l'Arco d'Augusto e il Ponte di Tiberio , l’Anfiteatro costituisce la triade dei grandi monumenti romani che si trovano a Rimini. L’Anfiteatro romano è situato all’angolo est-nord-est della vecchia città romana di Ariminum, in prossimità della linea di costa. Come attesta una moneta dell'imperatore Adriano ritrovata in una delle murature, l’edificio fu eretto nel II secolo d.C. Di quello che fu uno dei maggiori anfiteatri dell’Emilia romana, oggi sono rimaste e riconoscibili solo alcune parti: i muri dell'arena, uno degli ingressi principali e qualche accesso alle balconate.
L’Anfiteatro aveva forma ellittica, ed una struttura muraria risultante da quattro anelli ellittici concentrici, il cui spessore complessivo raggiungeva i metri 21,80. Da esterno ad esterno l'edificio misurava metri 120 x 91; l'arena metri 76,40 x 47,40, in sostanza due terzi del Colosseo. L’accesso avveniva attraverso i due ingressi principali, posti all’estremità dell’asse maggiore, e le numerose altre entrate che immettevano nel corridoio perimetrale, da cui si accedeva alle scale che conducevano alle gradinate in pietra. La struttura si sviluppava su due ordini sovrapposti: la sobria struttura in laterizio, che presentava all’esterno un porticato di 60 arcate, doveva essere di grande effetto. Si calcola che potesse contenere da dieci a dodicimila persone, senza contare gli spettatori che prendevano posto sulle balconate lignee accessorie. All’interno vi si svolgevano spettacoli gladiatori.
Nel III secolo l’anello esterno dell’Anfiteatro fu inglobato nel circuito murario, costruito per fronteggiare la calata dei barbari. Questi riuscirono peraltro a saccheggiarlo e a smantellarlo. Nel corso del Medioevo la struttura perse la sua funzione originaria e fu adibita ad orti; nel Seicento vi fu ospitato un lazzaretto, collegato alla Chiesa-Monastero di Santa Maria in Turre Muro. Solo nell'Ottocento, Luigi Tonini riportò alla luce parte delle strutture. L’Anfiteatro fu molto colpito dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Rimane tuttora interrato il settore sud-occidentale su cui ora si trova il Centro Educativo Italo-Svizzero.
Condividi "Anfiteatro Romano" su facebook o altri social media!