Login / Registrazione
Venerdì 30 Settembre 2016, San Girolamo
follow us! @travelitalia

Palazzo Vescovile

Rieti / Italia
Vota Palazzo Vescovile!
attualmente: 10.00/10 su 3 voti
Il Palazzo Vescovile di Rieti, detto anche Palazzo Papale, fu costruito fra il 1283 e il 1288 dall’architetto Andrea magister che, con legittimo orgoglio, si definiva in un’epigrafe mente peritus…et arte citus, abile nella progettazione e veloce nell’esecuzione.
La bella facciata si caratterizza dalla loggia e dai grandissimi portici. Al Palazzo, si accede attraverso un ampio vestibolo dalle suggestive volte a crociera. La monumentale Sala delle Udienze, attuale sede della Pinacoteca Diocesana, si apre sulla loggia delle benedizioni, affacciata sul sagrato a settentrione della cattedrale.
Alla metà del Cinquecento, ossia al tempo del vescovo Mario Aligeri Colonna (1529-1555), risalgono i sette ampi finestroni aperti lungo la parete nord in sostituzione delle più strette finestre originali e la porta dall’elegante architrave che reca l’iscrizione: Sub divo Pompeio Columna / Card. et Vicecancellario / Marius Aliger Columna / Ep. Reatinus anno / D.M.ni MDXXXII. Il palazzo, ormai destinato a sede della Curia Vescovile, fu ristrutturato al tempo del cardinale Francesco dei conti Guidi di Bagno (1635-1639). In questo periodo, alcune delle stanze furono affrescate dall’artista sabino Vincenzo Manenti.
In questo palazzo abitò qualche tempo Nicolò IV e più tardi vi fu incoronato Carlo d’Angiò, insieme a Maria d’Ungheria, sua sposa. Vi dimorarono anche altri papi e tra questi Bonifacio VIII, il quale vi tenne due concistori.
Condividi "Palazzo Vescovile" su facebook o altri social media!