Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Palazzo Ducale (Palazzo Salvador Allende)

Reggio nell'Emilia / Italia
Vota Palazzo Ducale (Palazzo Salvador Allende)!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
L’edificio sorge nelle forme odierne solo alla fine del XVIII secolo, sull’area ove si trovava il Convento delle monache di San Pietro Martire (fondato nel 1260 e soppresso nel 1783). E’ appunto del 1783 la decisione del Duca di Reggio di far costruire a spese del Comune un Palazzo del Governo, residenza per il Governatore, il Comandante delle Armi e il Maggiore di Piazza. Dopo varie vicissitudini la scelta cadde sul soppresso Monastero ed esattamente sulla parte dell’attuale cortile centrale. Il progetto viene affidato a Pietro Armani. Come scrive Walter Baricchi:
“Alla fine del 1786 il palazzo poteva considerarsi terminato e l’anno successivo vi entrava il Comandante delle armi. Con la conquista napoleonica, a partire dal Regno d’Italia (4 maggio 1802) il palazzo dell’Armani venne adibito a residenza dei Prefetti. La Restaurazione portò a un capovolgimento dell’uso del palazzo: infatti i delegati del Comune offrirono al Duca il Palazzo affinché ne facesse la propria residenza durante i soggiorni reggiani. Il Duca provvede a inglobare alcune abitazioni private e incarica l’architetto Domenico Marchelli (1817) di un progetto di ristrutturazione del palazzo con la formazione del giardino interno e il disegno di una nuova facciata fino alla via di San Pietro Martire.
Tra il 1838 e il 1845 su progetto di Pietro Marchelli l’edificio subisce una serie di interventi, che confluiscono nell’attuale edificio, impostato su tre corti. Altri lavori importanti sono quelli del 1911, che danno all’edificio l’attuale sistemazione delle facciate esterne e interne”.
La denominazione del palazzo è sempre stata quella di Palazzo Ducale, fino a che nel 1973 è stato approvata la proposta della Giunta di intitolare il palazzo al defunto presidente cileno Salvador Allende.
Condividi "Palazzo Ducale (Palazzo Salvador Allende)" su facebook o altri social media!