Login / Registrazione
Lunedì 26 Settembre 2016, SS. Cosma e Damiano
follow us! @travelitalia

Guida Reggio nell'Emilia

Download Guida reggio_emilia PDF
Guida reggio_emilia PDF
1425 download
Quali sono i posti da visitare a Reggio nell'Emilia? Qui puoi trovare una guida di Reggio nell'Emilia e molte informazioni utili: ristoranti, hotel, attrazioni, interessanti monumenti da visitare a Reggio nell'Emilia.
Non molto lontano dalla città sorge tra amene pianure la Villa del Mauriziano, ove dimorò il grande poeta Ludovico Ariosto, nato a Reggio Emilia nel 1474. Così, in una delle sue satire, egli descrive questi luoghi:

Già mi fur dolci inviti a empir le carte
Li luoghi ameni di che il nostro Reggio,
Il natio nido mio, n'ha la sua parte:
Il tuo Maurizian sempre vagheggio,
La bella stanza e il Rodano vicino,
Dalle Najadi amato e ombroso seggio;
Il lucido vivajo onde il giardino
Si cinge intorno, il fresco rio che corre
Rigando l'acque, ove poi fa il molino.


Reggio nell’Emilia, chiamata più familiarmente Reggio Emilia o soltanto Reggio dai suoi stessi abitanti, conta circa 170 mila anime e si colloca nel cuore dell’Emilia, sull’omonima strada di origine romana, in un territorio pianeggiante nel lembo meridionale della Pianura Padana. Attraversata dal torrente Crostolo, la città capoluogo di provincia ha un centro prezioso, d’impianto prevalentemente cinque-settecentesco. Con la sua forma originale di esagono allungato, il cuore di Reggio Emilia nasconde alcune sorprese neoclassiche, rinascimentali o barocche, sotto forma di chiese e palazzi nobiliari, piazze vivaci e monumenti celebrativi.
La distribuzione delle strade e delle piazze è particolarmente interessante: la via del Broletto, con portici e botteghe, collega la piazza Prampolini alla Piazza di San Prospero. La prima è dominata dalla Cattedrale e dal Palazzo del Comune; la seconda è caratterizzata da un bel mercato brulicante di gente. Un’altra strada porticata collega Piazza Prampolini a piazza Casotti, dove un tempo c’era il cosiddetto mercato delle pulci.
Passeggiando sotto i portici, tra un punto nevralgico e l’altro della vita cittadina, si riconoscono facilmente le tracce dell’urbanistica romana, di cui rimangono pregevoli frammenti musivi nei Musei Civici, e dei mutamenti avvenuti nel medioevo. Tra gli edifici da non perdere, tanto per qualità architettonica che per valore storico, c’è la sede del Municipio, con la celebre Sala del Tricolore in cui il 7 gennaio del 1797 si celebrò il battesimo della bandiera italiana: era il primo tricolore della Repubblica Cisalpina, da cui deriva la bandiera della Repubblica Italiana, così come la conosciamo oggi. La storica sala, utilizzata oggi come spazio consiliare del comune reggiano, fu creata come archivio ducale estense nel Settecento, dall’architetto Lodovico Bolognini.
Anche le chiese di Reggio Emilia sono interessanti, prima fra tutte la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, d’impianto romanico ma modificata nel corso dei secoli da varie opere di restauro e ricostruzione. La facciata è incompiuta ma comunque grandiosa, con il livello inferiore occupato da eleganti lesene e nicchie con le statue dei protettori locali, e un rivestimento cinquecentesco progettato da Prospero Sogari detto “il Clemente”. La parte superiore risale al restauro del 1275 operato dal Malaguzzi, e il portale centrale, d’ispirazione michelangiolesca, è adornato da due statue raffiguranti Adamo ed Eva.
Ma i palazzi che danno maggiore prestigio alla città sono forse i teatri: il Teatro Municipale, dedicato a Romolo Valli, si affaccia su una delle piazze più importanti e ospita concerti e spettacoli d’opera. Eretto tra il 1852 e il 1857, ha una grandiosa facciata in marmo e laterizio, con belle statue allegoriche ed eleganti colonne. L’interno è quello tipico dei teatri d’opera italiani: pianta a ferro di cavallo e cinque ordini di palchi.
A Ludovico Ariosto è intitolato il secondo teatro locale, che domina la medesima piazza e fu creato nel 1878 sulle ceneri del Teatro della Cittadella. Su richiesta dei cittadini il teatro fu destinato a diverse rappresentazioni, che spaziassero tra numerosi generi, dalle opere in prosa alla lirica, sino alle esibizioni delle compagnie equestri. L’impianto architettonico è quello tipico dei “politeama” inglesi e francesi, con la cavea semicircolare e i palchi. Un’importante ristrutturazione fu operata nel 1927, con l’eliminazione delle strutture per gli spettacoli equestri e nuove decorazioni sia interne sia esterne, secondo il gusto tardo-liberty.
Alla ricchezza di teatri, e alla figura celebre di Ludovico Ariosto che emerge in varie opere cittadine, Reggio Emilia fa corrispondere un’ampia proposta culturale, che comprende ogni anno spettacoli di alto livello, manifestazioni e grandi eventi all’insegna dell’arte, della tradizione e della memoria storica. Ogni tre anni c’è un prestigioso concorso internazionale per Quartetto d’Archi, il premio “Paolo Borciani”, e negli ultimi anni si è valorizzata notevolmente l’arte della danza, con la nascita di due importanti scuole, “Arteballetto” e “Cosi-Stefanescu”. In primavera, da fine aprile a metà giugno, c’è la “Settimana della Fotografia Europea” con mostre tematiche, incontri, dibattiti e spettacoli.
Centro attivo ma non frenetico, Reggio Emilia è nota per l’alta qualità della vita e per essere città a misura d’uomo. Essa presenta una ricca gastronomia tipica. Si ricorda l’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop e, tra i piatti principali, i tortelli di erbette, lo gnocco fritto, la bomba di riso, il coniglio alla reggiana e il polpettone di tacchino. Di assoluto rilievo, nella zona, è la lavorazione del formaggio e del burro. Rinomati sono anche i salumi, i prosciutti, i cosiddetti “cappelli da prete” e gli insaccati.

Monumenti

Chiese
Basilica di San Prospero
Battistero (Chiesa di San Giovanni Battista)
Chiesa dei Santi Girolamo e Vitale
Chiesa dei Santi Pietro e Prospero
Chiesa del Cristo
Chiesa di San Domenico
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Giovanni Evangelista (San Giovannino)
Duomo di Reggio nell'Emilia
Santuario della Madonna della Ghiara

Palazzi
Broletto
Mauriziano (Villa dell'Ariosto)
Palazzo Bussetti
Palazzo Carmi
Palazzo Cassoli
Palazzo da Mosto
Palazzo del Boiardo (Palazzo Boiardi)
Palazzo del Capitano del Popolo
Palazzo del Comune
Palazzo del Monte di Pietà
Palazzo dell’Arte dei Mercanti del Panno
Palazzo Ducale (Palazzo Salvador Allende)
Palazzo Magnani
Palazzo Spalletti-Trivelli
Palazzo Vescovile

Teatri
Teatro Ludovico Ariosto
Teatro Municipale Romolo Valli

Musei

Musei
Musei di Reggio nell'Emilia

Storia

Storia
Storia di Reggio nell'Emilia

Hai un solo giorno e non sai i principali luoghi da visitare a Reggio nell'Emilia? Leggi la Guida ridotta
Ti è piaciuta questa guida? Condividila su facebook™, twitter™ o altri social network!