Login / Registrazione
Mercoledì 7 Dicembre 2016, Sant'Ambrogio
follow us! @travelitalia

Cappella Arcivescovile

Ravenna / Italia
Vota Cappella Arcivescovile!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
La Cappella Arcivescovile - detta anche Cappella di Sant'Andrea - fu costruita dal Vescovo Pietro II come oratorio privato, alla fine del V secolo, ossia durante il regno di Teodorico. La Cappella è l'unico monumento ortodosso costruito in epoca teodoriciana, quando il culto dominante era quello ariano. L'oratorio è preceduto da un vestibolo rettangolare sulle cui pareti lunghe sono riportati a finto mosaico venti esametri latini. Sopra la porta d'accesso al vestibolo è raffigurato Cristo guerriero. L'oratorio vero e proprio, in forma di croce, si conclude con una piccola abside, la cui conca raffigura un cielo stellato, in mezzo al quale campeggia una croce. La volta a crociera ha fondo d'oro. Nei sottarchi ad est e ad ovest sono raffigurati i busti degli Apostoli, ai lati di quello di Cristo; in quelli a sud e a nord compaiono i busti di sei Santi e di sei Sante. Nella Cappella è ora conservata la preziosa croce d'argento detta d'Agnello, dal nome del Vescovo che la fece eseguire nel periodo del suo episcopato (557-570).
L'iconografia dei mosaici è di grande interesse: la glorificazione di Cristo, la cui presenza domina ogni parte della decorazione musiva, può essere interpretata come elemento anti-ariano, ed in particolare le rappresentazioni dei martiri sono una chiara affermazione dell'ortodossia.
Il nartece della cappella colpisce il visitatore per la vigorosa rappresentazione di Cristo guerriero e per la poesia latina che celebra nei suoi versi lo splendore del mosaico. Ma nella parete di sinistra i mosaici rappresentano un intero parco di piccoli uccelli: storni, fagiani, anatroccoli, la fauna delle pinete ravennati è riprodotta in queste pareti. Fra questi, piccolo e nascosto fra le decorazioni, un piccolo e tenerissimo anatroccolo dalla strana caratteristica: una zampetta è nera, l'altra è rossa. Nessuno ha spiegato perché.
Condividi "Cappella Arcivescovile" su facebook o altri social media!