Login / Registrazione
Martedì 6 Dicembre 2016, San Nicola
follow us! @travelitalia

Cattedrale di San Gerardo

Potenza / Italia
Vota Cattedrale di San Gerardo!
attualmente: 09.20/10 su 10 voti
La Cattedrale di San Gerardo Sorge alla fine di Via Addone, in uno dei punti più alti di Potenza. Dedicato inizialmente alla Beata Vergine Assunta, poi a San Gerardo – che fu vescovo di Potenza dal 1111 al 1119 – il tempio risale al XII secolo, ma fu più volte rimaneggiato nei secoli. La Cattedrale fu ampliata nel 1250, ricostruita alla fine del Settecento, restaurata dopo il sisma del 1930 e rifatta dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Il generale carattere neoclassico dell’edificio si deve alla ricostruzione del 1783-1799, voluta dal vescovo Serrao e progettata dall’architetto Antonio Magri, allievo del Vanvitelli.
La facciata si caratterizza per un bel portale architravato, in pietra calcarea, munito di timpano. Le ante bronzee sono state realizzate nel 1978 da Giovanni Niglia di Polistena. L'opera è priva di partizioni decorative, e raffigura simbolicamente la storia del popolo potentino. Un alto basamento sostiene una doppia coppia di lesene, con capitelli ionici. Sopra il cornicione altre due coppie di lesene indicano il secondo livello del prospetto. L'ultimo cornicione si sviluppa a costituire un timpano al centro del quale è inserito un piccolo rosone, forse l'ultimo residuo della chiesa primitiva. L'ingresso principale è preceduto da un'ampia gradinata semicircolare di restauro. A fianco dell'ingresso laterale si eleva il possente campanile a quattro livelli, coronato da una cuspide piramidale.
L’interno mostra un impianto a croce latina, un’unica navata, lunga metri 50 e larga 6,75, e un transetto con i bracci di diversa profondità. Navata, transetto e zona absidale sono coperti da volte a botte lunettate. Le cappelle laterali contengono pregevoli sculture lignee policrome. Il cappellone del braccio destro del transetto è dedicato a San Gerardo. L’altare è in marmi policromi; nel paliotto è sistemata una grata attraverso la quale si può vedere l'urna con le reliquie di San Gerardo. Sopra l'altare, in una nicchia, si trova una statua lignea policroma del santo, di autore ignoto. Il cappellone del braccio sinistro del transetto è dedicato al SS. Sacramento. Sovrastato da un bel ciborio di alabastro, l'altare ha un'apertura nel paliotto che permette di vedere l’urna con le reliquie di Santa Genuaria. La zona presbiterale è sopraelevata di circa un metro. L'altare basilicale al centro del presbiterio è stato realizzato durante i restauri degli anni '70 con gli elementi che costituivano il preesistente altare maggiore. Nella sistemazione attuale si è posto il paliotto marmoreo intarsiato a marmi policromi con rosone centrale di notevole pregio sul fronte che guarda il fondo dell'abside.
Le decorazioni pittoriche delle volte e del transetto furono realizzate negli anni 1933-1934 dal pittore Mario Prayer. Sulla volta della navata sono dipinte scene di storia sacra, con figure di apostoli nelle unghie delle lunette. Tra le quattro finestre del tamburo della cupola sono affrescate le Virtù Teologali. Nella volta del presbiterio sono affrescati il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo circondati da angeli.
Condividi "Cattedrale di San Gerardo" su facebook o altri social media!