Login / Registrazione
Sabato 3 Dicembre 2016, San Francesco Saverio
follow us! @travelitalia

Musei di Pistoia

Pistoia / Italia
Vota Musei di Pistoia!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
CASA-STUDIO DI FERNANDO MELANI
Corso Gramsci, 159
E' la casa in cui visse e operò l’artista pistoiese Fernando Melani (1907-1985). A documentare il percorso creativo del Melani, sono qui esposte numerose opere, tra cui le costruzioni di metallo, lamiere e fili di ferro, dei primi anni '60, i vari Bucati del 1981 e le sculture, fra le quali il famoso Ratto di Proserpina del 1978.

CENTRO ARTI VISIVE CONTEMPORANEE
c/o Palazzo Fabroni
Via Sant’Andrea
Nasce nei primi anni ’90, con la scelta del Comune di destinare parte di Palazzo Fabroni ad attività espositive d’arte contemporanea. Dal 1993, il Centro ha ospitato numerose mostre personali e tematiche su artisti italiani, attivi negli anni ‘60 e affermati in campo internazionale. Ogni evento è stato seguito da un’intensa attività di conferenze, dibattiti e tavole rotonde. Il Centro possiede anche una collezione permanente d’arte contemporanea, costituita con lasciti e donazioni.

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DELL’OPERA DI GIOVANNI MICHELUCCI
c/o Palazzo del Comune
Piazza del Duomo
Costituito nel 1980, il Centro raccoglie numerosi disegni, plastici e lucidi che testimoniano il lavoro e la ricerca del pistoiese Giovanni Michelucci (1891-1990), uno dei maggiori architetti e urbanisti italiani contemporanei. Il Michelucci propugnava la città in senso sociale, dove "case, quartieri, zone, non sono per gli abitanti, ma per gli uomini" e dove l'architetto ha il compito di favorirne l'incontro, la coralità. Nucleo della raccolta sono circa 900 disegni, spesso arricchiti da note personali che contengono il “messaggio” del grande architetto.

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FONDAZIONE “MARINO MARINI”
c/o Complesso del Tau
Corso Silvano Fedi, 72
Inaugurato nel 1979 e gestito dall’omonima Fondazione, il Centro contiene l'intera pera grafica dello scultore e incisore Marino Marini (1901-1980). La collezione comprende circa 300 pezzi, tra cui litografie, incisioni all’acquaforte, puntesecche, in parte esposte e in parte disponibili per eventuali esposizioni temporanee. Notevoli sono la prima versione in argento del Ritratto di Igor Stravinskij (1950), e la Giovinetta in bronzo (1938). Il Centro dispone di un valido nucleo bibliografico, costituito da volumi sull'arte, una fototeca, una diateca e una videoteca.

MUSEO CAPITOLARE DELLA Cattedrale di San Zeno
c/o Palazzo dei Vescovi
Piazza del Duomo
Il Museo conserva una bella collezione di arredi, argenti e paramenti sacri, reliquiari e codici miniati del Duomo di Pistoia. Tra le opere spiccano: un Reliquiario di San Jacopo (1407), opera del Ghiberti, e vari affreschi del Trecento. provenienti dalla Cappella di San Niccolò. Sempre nel Palazzo dei Vescovi sono raccolte alcune importanti opere moderne, tra cui un ciclo di tempere a secco di Giovanni Boldini (1842-1931) e una Pomona di Marino Marini.

MUSEO CIVICO
c/o Palazzo del Comune
Piazza del Duomo
Istituito nel 1922, è la maggiore istituzione museale pistoiese. Il nucleo centrale della collezione annovera opere in pittura, scultura e arti minori rappresentative di un arco cronologico che va dalla metà del XIII secolo sino alla metà del XIX, e proviene per lo più dagli enti religiosi soppressi e da lasciti privati. Significative sono le tavole cinquecentesche, in gran parte raffiguranti il tema della Sacra Conversazione. Ricca la panoramica sulla pittura sei-settecentesca, fra cui spiccano il Ritratto di Papa Clemente IX (1669), copia del Maratta, e l'Allegoria del dominio dei Medici su Pistoia (1666) di Giacinto Gemignani. Corpo a sé fanno le opere raccolte nella collezione della famiglia Puccini. Un'intera sezione è dedicata ai pittori pistoiesi del Novecento.

MUSEO CLEMENTE ROSPIGLIOSI
c/o Palazzo Rospigliosi
Via Ripa del Sale, 3
Il Museo espone una ricca collezione di opere d'arte, che comprende, oltre alla mobilia e alcune suppellettili di pregio, una serie di 48 quadri, per la maggior parte del XVII secolo. Notevoli sono il Ritratto di Clemente IX con cornice monumentale, e il letto dove la tradizione vuole abbia dormito il Papa, opere di Ludovico e Giacinto Gemignani, copie di dipinti di Nicolas Poussin.
Mobili, suppellettili e quadri sono visibili nell'appartamento che - secondo la tradizione - avrebbe ospitato il papa pistoiese Clemente IX.

NUOVO MUSEO DIOCESANO
c/o Palazzo Rospigliosi
Via Ripa del Sale, 3
Il Museo ospita oggetti e arredi sacri provenienti da tutto il territorio della Diocesi pistoiese, con una scelta che segue un criterio non solo qualitativo, per il loro valore storico artistico, ma anche di sicurezza. Spiccano una croce bronzea di manifattura di Limoges del XIII secolo, una serie di croci astili del XII-XIII secolo di manifatture umbro-toscane e infine uno scrigno in rame dorato, decorato da smalti, opera senese del Trecento.

PERCORSO ARCHEOLOGICO ATTREZZATO
c/o Palazzo dei Vescovi
Piazza del Duomo
Restaurando Palazzo Vescovile, dopo la scoperta di due cippi funerari etruschi, una campagna di scavi ha portato al ritrovamento di materiale ceramico e resti di edifici preesistenti al palazzo stesso. In quest’area è stato allestito un "percorso archeologico attrezzato" costituito dai reperti mobili esposti entro vetrine "a tema", dai "testimoni" di scavo lasciati sul posto e preparati in modo tale da consentire una facile lettura delle diverse stratigrafie, e infine dai pannelli illustrativi dei materiali. Il percorso consente di ripercorrere un periodo di circa venti secoli di storia del palazzo e del terreno su cui sorse.
Condividi "Musei di Pistoia" su facebook o altri social media!