Login / Registrazione
Sabato 10 Dicembre 2016, Madonna di Loreto
follow us! @travelitalia

Palazzo Gambacorti

Pisa / Italia
Vota Palazzo Gambacorti!
attualmente: 10.00/10 su 1 voti
Il gotico Palazzo Gambacorti fu eretto a partire dalla seconda metà del Trecento e si affaccia sul Lungarno omonimo, in angolo con Piazza XX Settembre, poco lontano dal Ponte di Mezzo. Dal 1689 è sede del Comune di Pisa. La facciata dal lato del Lungarno, in pietra verrucana e in stile gotico-pisano, è un bell’esempio di gotico, a striscie bianche e scure: essa si articola su due ordini d’eleganti bifore e presenta belle decorazioni a traforo e tarsie marmoree. Notevole anche la secentesca facciata retrostante, dal lato di Via Toselli: disegnata dal Francavilla, essa si caratterizza per un ampio portale, sovrastato dallo stemma dei Medici. Nel cortile medievale si conservano gli stemmi secenteschi dei magistrati pisani di un tempo.
All'interno dell'edificio sono alcuni saloni di particolare interesse. La Sala Rossa è notevole per l'affresco del soffitto: Pisa che rende omaggio a San Ranieri”, opera dei fratelli Melani. Segue la Sala delle Baleari, dove si riunisce il Consiglio Comunale. Questa sala contiene tre affreschi, armonicamente fusi con la circostante riquadratura pittorica del fiorentino Luca Bocci: il primo, dovuto al Fardelli (1663), riproduce la conquista delle Baleari da parte dei Pisani. Il secondo, pure del Fardelli, descrive in chiave allegorica l'impresa di Sardegna. Il terzo, opera del Dandini, rappresenta la conquista di Gerusalemme ad opera dei Pisani (1099). Vi è infine la Sala degli Stemmi, così chiamata perché qui son dipinti gli stemmi dei Sindaci e dei Podestà dall'unità d'Italia in poi, unitamente alla simbologia araldica che la città ha assunto nelle varie epoche. E’ detta anche Sala dei Matrimoni, perché qui si celebrano i matrimoni civili. Dal soffitto pende una riproduzione lignea, in scala ridotta, della celebre lampada bronzea del Duomo, che - secondo tradizione - sarebbe servita a Galileo per scoprire la legge dell'isocronismo. La sala conserva la poltrona su cui sedeva Antonio Pacinotti, il celebre fisico pisano, negli anni in cui fu consigliere comunale.
Condividi "Palazzo Gambacorti" su facebook o altri social media!