Login / Registrazione
Martedì 27 Settembre 2016, San Vincenzo de' Paoli
follow us! @travelitalia

Villa Miralfiore

Pesaro / Italia
Vota Villa Miralfiore!
attualmente: 09.00/10 su 4 voti
Una delle bellezze notevoli per cui Pesaro sarà sempre invidiata è la corona dei colli che la cinge dappresso. Dalle cime dirupate dell'Ardizio e del San Bartolo, ai fianchi della città, si gode una vista incantevole sul mare, e i colli all’intorno, che portano in vetta gli antichi castelli di Novilara, Candelara, Sant’Angelo in Lizzola, Ginestreto e Montelabbate, digradano con miti declivi, folti di vigneti e uliveti, sparsi di ville signorili.
Poco fuori città, lungo Via Solferino, è la Villa di Miralfiore, circondata da uno splendido giardino all'italiana. Progettata da Filippo Terzi e Bartolomeo Genga, la Villa fu costruita nella seconda metà del Cinquecento da Guidubaldo II Della Rovere. Essa è uno dei più importanti luoghi d'arte di Pesaro. L'edificio presenta una struttura asimmetrica, con il lato d'ingresso porticato. All’interno, di grande interesse sono le cinque sale del primo piano, i cui affreschi - ultimati nel 1573 - sono attribuiti a Federico Zuccari e ad Antenore Ridolfi. Il ciclo pittorico illustra, tra l’altro, imprese roveresche riferibili a Guidubaldo II, di cui ricorrono le iniziali sulle cornici delle porte. Le decorazioni ricorrono ampiamente ai motivi post-raffaelleschi delle grottesche. La Villa conserva anche importanti dipinti, tra cui una Madonna col Bambino entro vasto paesaggio di Giovanni Girolamo Savoldo, bresciano; una Maddalena di Guido Reni e i Sette Sacramenti del bolognese Giuseppe Maria Crespi, detto lo Spagnolo.
Condividi "Villa Miralfiore" su facebook o altri social media!