Login / Registrazione
Giovedì 29 Settembre 2016, SS. Michele, Gabriele e Raffaele
follow us! @travelitalia

Collegio Ghislieri

Pavia / Italia
Vota Collegio Ghislieri!
attualmente: 02.00/10 su 1 voti
Il grandioso collegio fu fondato da San Pio V con bolla del 10 gennaio 1569. Appartenente alla famiglia Ghislieri di Bosco Marengo, Pio V studiò a Pavia, e fu testimone degli scandali della vita universitaria e del dilagare delle dottrine protestanti. Per ovviare a questi pericoli, decise di fondare questo collegio che nei secoli fu una palestra di studio, da cui uscì gran parte della classe dirigente lombarda. Era intenzione del fondatore accogliere in questo collegio ventiquattro giovani del principato pavese, appartenenti a famiglie povere, ma distinti per diligenza ed ingegno. Poi, al mutare delle circostanze il numero dei convittori crebbe, e furono ammessi anche giovani d'altre province. Fra gli alunni più noti vi fu anche il veneziano Carlo Goldoni.
La prima pietra dell'edificio fu posta il 15 luglio 1571, e al progettista iniziale, Pellegrino Tibaldi, successe più tardi l'architetto Martino Bassi. La fabbrica procedette piuttosto a rilento, tanto che il cortile fu ultimato nel Settecento, su disegno del Veneroni. Il palazzo è vasto, grandioso, di buona architettura. La facciata, adorna di portale marmoreo, è semplice e disadorna. L'altana che sovrasta la fronte presenta invece nobili linee cinquecentesche, mentre il cortile è improntato ad un aggraziato rococò, tipico dell'arte veneroniana.
Alcune sale interne presentano pregevoli affreschi (per la maggior parte sotto l'intonaco) e qualche buon dipinto. L'interesse maggiore s'incentra sulla cappella secentesca, che ospita una pala del Moncalvo, la Natività coi santi Gerolamo e Pio V. Sempre nell'oratorio, e nel grandioso vestibolo che lo precede, sono altri notevoli dipinti, fra cui una Vittoria di Lepanto, di G.B. del Sole.
Condividi "Collegio Ghislieri" su facebook o altri social media!