Login / Registrazione
Domenica 11 Dicembre 2016, San Damaso I
follow us! @travelitalia

Piazza Garibaldi

Parma / Italia
Vota Piazza Garibaldi!
attualmente: 07.09/10 su 11 voti
Piazza Garibaldi, nota anche come Piazza del Comune o Piazza Grande, rappresenta il centro della vita cittadina. Essa insiste - almeno in parte - sull'antico foro romano, che poi fu spostato verso est. L’aspetto attuale della Piazza è il risultato di stratificazioni storiche, di diversi momenti costruttivi, che hanno visto via via disporsi in quest’area le principali sedi del potere comunale. Alla piazza del potere religioso andava pian piano a contrapporsi quella del potere politico.
Nel 1221 il Palazzo del Comune (Palazzo Vecchio) formò il lato meridionale, mentre nel 1282-85 il Palazzo dei Mercanti (ora Palazzo del Governatore) ampliò la Piazza verso settentrione. Nel 1287 la piazza assume la sua forma definitiva con la costruzione del carcere criminale della Camusina e della Torre Civica, collocati dietro al Palazzo del Capitano del Popolo. La torre, documentata già nel Duecento, era "sublime et altissima, quadrata in terra e di otto facce verso la cima". Fu eretta nel 1470, su progetto dell'architetto Fatuli, fino a raggiungere un’altezza di 130 metri. A partire dal 1538 l'enorme e decorativa struttura mostrò segni di cedimento, ai quali sì cercò, in vario modo, di porre riparo, ma senza esito, finché nel 1606, durante i lavori di consolidamento delle fondamenta, la torre crollò demolendo anche parte del palazzo comunale. L'edificio sacro della piazza era la Chiesa di San Vitale, ricordata già nel 972 e trasformata, tra il 1651 e il 1658, dall'architetto Cristoforo Rangoni detto Ficarelli. La chiesa conserva splendidi stucchi di Leonardo e Domenico Reti, e una serie di dipinti, affreschi ed arredi del XVII e XVIII secolo, opera dei migliori maestri dell'epoca.
Altre importanti trasformazioni della Piazza furono attuate nel Trecento, quando i Visconti chiusero la piazza e la trasformarono in un asserragliato e ben difeso complesso militare, dotato di merlatura e porte che venivano chiuse durante la notte. Solo nel XVI secolo questa struttura, detta ironicamente "Sta in pace", fu di nuovo aperta per essere collegata in modo vitale al resto della città. Nel 1606 il crollo della torre e la ridefinizione del Palazzo del Comune anticiparono la sistemazione del lato settentrionale. Infine le alterazioni novecentesche lungo il lato ovest hanno aumentato il carattere disomogeneo della piazza, dandole la forma attuale.
La Piazza fu intitolata a Giuseppe Garibaldi nel 1893. Oggi essa si pone come il centro amministrativo della città e offre un’immagine multiforme, con alcuni edifici di aspetto medievale, altri dalle linee sei-settecentesche e, infine, nuovi volumi sorti dopo la guerra, sulle macerie delle preesistenti costruzioni.
Condividi "Piazza Garibaldi" su facebook o altri social media!