Login / Registrazione
Domenica 25 Settembre 2016, Sant'Aurelia
follow us! @travelitalia

Boschi di Carrega (Parco Regionale)

Parma / Italia
Vota Boschi di Carrega (Parco Regionale)!
attualmente: 10.00/10 su 1 voti
Istituito nel 1982, è stato il primo parco istituito in Emilia-Romagna, a tutela di un raro esempio di bosco pedecollinare sopravvissuto per secoli come riserva di caccia della nobiltà parmense, dai Farnese ai Carrega. L’area si estende sui terrazzi fluviali tra il fiume Taro e il torrente Baganza ed è movimentata dall’alternarsi di splendidi boschi, siepi, prati e laghetti artificiali. A primavera il sottobosco si illumina di colorate fioriture e nelle radure compaiono diverse specie di orchidee selvatiche. Le aree boscose sono frequentate da picchi, ghiandaie, sparvieri, e ben rappresentati sono anche anfibi e rettili. Il capriolo si avvista con relativa facilità.
Il Parco custodisce anche alcuni preziosi gioielli architettonici.

  • il Casino dei Boschi, villa neoclassica costruita nel 1789 su progetto del Petitot. Immerso nell'ampia tenuta sulla collina tra Sala e Collecchio, nella riserva ducale dei Farnese, il Casino dei Boschi fu ampliato dall'architetto di corte Paolo Gazzola per farne una dimora estiva. La villa, di proprietà dei principi Carrega di Lucedio dal 1881, presenta ancora oggi le caratteristiche del tempo di Maria Luigia;
  • la Villa del Ferlaro fatta costruire da Maria Luigia per i propri figli tra il 1828 e il 1831, si erge in territorio collecchiese ove già esisteva il Casinetto Fedolfi, poco distante dal Casino dei Boschi.
  • la Pieve di Talignano, antica pieve romanica


Gestito da un Consorzio formato da vari comuni e dalla Provincia di Parma, il Parco offre in ogni stagione motivi di interesse e promuove numerose iniziative culturali e di educazione ambientale per le scuole.
Il Parco dei Boschi di Carrega si trova al centro della cosiddetta food valley emiliana, una delle zone a più alta concentrazione di specialità agroalimentari del mondo. I comuni, i cui territori fanno parte dell’area protetta, sono di fatto piccole capitali del cibo: Collecchio del latte e latticini, Felino del celeberrimo omonimo salame crudo, Parma di salumi, conserve e formaggi, Sala Baganza del prosciutto crudo di Parma.
Condividi "Boschi di Carrega (Parco Regionale)" su facebook o altri social media!