Login / Registrazione
Lunedì 5 Dicembre 2016, San Saba
follow us! @travelitalia

Santuario di Santa Rosalia

Palermo / Italia
Vota Santuario di Santa Rosalia!
attualmente: 09.00/10 su 16 voti
Rosalia visse nel XII secolo: era figlia del duca Sinibaldo di Quisquina delle Rose e nipote - per parte di madre - di re Ruggero d'Altavilla. Per non essere costretta ad un matrimonio non voluto, ma sicuramente anche per vocazione, fuggì dal suo castello e visse da eremita, da ultimo sul monte Pellegrino, dove morì verso il 1170.
Nel 1624 Palermo fu colpita dalla peste, ma - secondo la tradizione - il morbo cessò miracolosamente quando furono ritrovate e portate in processione le spoglie attribuite a S. Rosalia. La devozione alla santa, già viva in precedenza, si accrebbe enormemente e S. Rosalia fu scelta come patrona della città. Nel 1625, sul luogo del ritrovamento fu innalzato il santuario, a 430 metri di altitudine.
L'imponente complesso è formato dal convento e dalla grotta del ritrovamento. Il santuario non presenta un particolare stile architettonico, ma è reso unico dalla singolare posizione e dall’atmosfera di fede che vi regna. La facciata secentesca si appoggia alla roccia. Sul lato sinistro, entro un'edicola, è posta una statua marmorea della Santa, che risale al Settecento. La chiesa è stata ricavata dalla grotta, profonda circa 25 metri e larga 10, ove furono probabilmente ritrovate le reliquie. All’interno della grotta si conserva una bella statua della santa, scolpita da Gregorio Tedeschi nel 1625. Il manto che la riveste - prima d’argento e poi dorato - risale al 1748 e fu donato da Carlo III di Borbone.
Condividi "Santuario di Santa Rosalia" su facebook o altri social media!