Login / Registrazione
Mercoledì 28 Settembre 2016, San Venceslao
follow us! @travelitalia

Mercato della Vucciria

Palermo / Italia
Vota Mercato della Vucciria!
attualmente: 06.78/10 su 23 voti
Nell’antico quartiere della Loggia - fra Via Roma, la Cala, il Cassaro e Piazza San Domenico - si trova il caratteristico mercato della Vuccirìa, il più noto di Palermo. La Vuccirìa è un mondo a sé, un concentrato di colori, di odori, di sapori, di voci antiche: se n’accorse anche il pittore siciliano Renato Guttuso (1912-1987), che della Vuccirìa ha lasciato un quadro stupendo. Sorto fra il X e l’XI secolo, con l’interramento del porto antico, questo mercato offre di tutto, ma specialmente generi alimentari. Sembra infatti che il suo nome derivi - in epoca angioina - da una storpiatura del termine “boucherie”, che in francese indica il mercato della carne, ma qualcuno sostiene che il nome rifletta la confusione che vivacizza ogni mercato, e che nel dialetto palermitano chi chiama appunto “vuccirìa”. In ogni caso, nel Cinquecento, il mercato viene chiamato “bocceria della foglia”, chiaro segno che vi si commercia anche frutta e verdura. Il nome attuale sarà adottato nel Settecento. Nel 1783 il Viceré Caracciolo riordinò il mercato: fu eretta una serie di portici, oggi scomparsi, e creata una loggia quadrata con una bella fontana di marmo. Verso la fine dell’Ottocento, il mercato si estese fino a Piazza Garraffello.
Inoltrarsi nei vicoli di questo mercato, ricercare il “genius loci”, gustare il cicaleccio e il richiamo dei venditori, fingere di contrattare sul prezzo, è un’esperienza irripetibile: è un ultimo tuffo in un mondo che - dopo secoli di vita - va lentamente scomparendo.
Condividi "Mercato della Vucciria" su facebook o altri social media!