Login / Registrazione
Martedì 27 Settembre 2016, San Vincenzo de' Paoli
follow us! @travelitalia

Duomo di Monreale

Palermo / Italia
Vota Duomo di Monreale!
attualmente: 08.58/10 su 31 voti
Adagiata sulle suggestive pendici del monte Caputo, nei pressi di Palermo, Monreale è conosciuta in tutto il mondo per il suo duomo normanno, costruito tra il 1172 ed il 1186, per volere del re Guglielmo II. Il duomo - intitolato a Santa Maria la Nuova - è la più bella chiesa normanna di tutta la Sicilia, uno dei più mirabili monumenti architettonici del Medioevo. L'architettura appartiene a quello stile che in Sicilia si trova composto di greco, arabo e normanno.
L'esterno, quantunque modificato, nella parte posteriore conserva intatta l'impronta normanna ed è ornato a vari disegni formanti una serie d'archi di pietre bianche e nere con cerchi al di sotto, assai ben combinati e disposti. Da nord si vede un portico arcuato forse voluto da Alessandro Farnese, arcivescovo di Palermo nel 1569. Un altro portico barocco sta innanzi al prospetto fiancheggiato da due torri terminanti in piramidi. Le due porte di bronzo sono opera preziosa, poiché dimostrano i primordi dell'arte: sono del 1186 e ne fu autore il celebre Bonanno da Pisa.
La chiesa è a croce latina e divisa in due piani. All’interno, è lunga 78 metri e larga da un massimo di 33 ad un minimo di 23. Gli archi delle navate a sesto acuto posano su colonne, i cui capitelli mostrano di essere appartenuti ad antichi edilizi pagani. Tutte le pareti delle tre navate, l'abside, e gli archi, sono ricoperti di grandi lastre di marmo e stupendi mosaici di stile moresco. Sul lato destro stanno i mausolei con le spoglie di Guglielmo il Buono e di Guglielmo II il Malo. Sul lato sinistro, sta invece l'ingresso della cripta che custodisce il ricchissimo tesoro di Guglielmo II; di questo tesoro fa parte anche una spina della corona di Cristo, conservata in un reliquario d'oro e d'argento.
Il soffitto alto e bello, ha una travatura ricca d'oro a vari colori, e fu restaurato nel 1811, dopo un incendio che aveva distrutto parte del tetto. Notevoli le cappelle riccamente decorate. Il Duomo contiene la preziosa urna in cui si conservano le viscere di San Luigi re di Francia, il cui cadavere in viaggio dall’Africa, rimase a Monreale per qualche tempo.
Al secondo piano del palazzo, è da vedere la Sala di re Ruggero - ricca di mosaici - nonché quella del duca di Montalto, il Salone d'Ercole e le antiche prigioni.
Il Chiostro del Duomo si trova nell'attiguo monastero. È una costruzione prettamente medievale formata da un vasto portico che cinge un gran piano. Il portico è sostenuto da archi piegati ad angolo ottuso che poggiano su duecento colonne geminate, tutte di vario disegno e ricche di mosaici. Eleganti e bizzarre le sculture dei capitelli, lavorate con delicatezza e levità: vi sono rappresentate figure dell' Antico e del Nuovo Testamento, animali simbolici e fatti storici, fra i quali, re Guglielmo che offre il tempio a Dio. Purtroppo, gran parte delle colonne e dei capitelli furono rovinati dalle soldatesche di passaggio. Fra le cose pregevoli del monastero è da ricordare un quadro rappresentante San Benedetto e che è ritenuto come la tela più pregevole di Pietro Novelli, detto il Monrealese.
Condividi "Duomo di Monreale" su facebook o altri social media!