Login / Registrazione
Martedì 27 Settembre 2016, San Vincenzo de' Paoli
follow us! @travelitalia

Chiesa di Sant'Agostino

Palermo / Italia
Vota Chiesa di Sant'Agostino!
attualmente: 07.00/10 su 4 voti
Legata al vicino convento agostiniano, la chiesa fu eretta nei primi anni del Trecento, per la munificenza di due nobili famiglie palermitane: i Chiaramonte e gli Sclafani. Oltre ad un ricco rosone, la facciata presenta un bel portale gotico con timpano, decorato con motivi geometrici e floreali a due colori. Il portale laterale, che si affaccia su Via Sant’Agostino, è opera del Gagini.
L’interno fu rifatto nel 1671, a navata unica, in stile barocco. Si caratterizza per una ricchissima decorazione a stucco ed è considerato il capolavoro della maturità artistica di Giacomo Serpotta, che vi pose mano dal 1711 al 1728. Gli stucchi serpottiani si distendono sulle pareti dell'unica navata sotto forma di putti, angeli, statue e nimbi. Dietro ad uno degli angeli, il Serpotta ha apposto la sua firma e la data 1711. Ai lati delle cappelle mediane di Sant'Agostino (a destra) e di santa Monica (a sinistra) sono inserisce altrettante coppie di statue allegoriche di virtù poste su nimbi, come ad indicare la loro immaterialità. Ben più concreti sono i santi e i beati dell'ordine agostiniano che sembrano sfilare verso il presbiterio, come in elegante corteo. Le monache mostrano sguardi alteri e sognanti, con pose languide e morbide. Le maniche delle vesti si allungano a dismisura e tutto sembra scivolare via con volute morbide e naturali. Al culmine della sfilata stanno, ai lati del presbiterio, Sant'Agostino e Santa Monica.
Notevoli sono anche l’organo e la cantoria del Settecento, nonché il Chiostro cinquecentesco, che conserva alcuni capitelli forse risalenti al precedente chiostro del Trecento.
Condividi "Chiesa di Sant'Agostino" su facebook o altri social media!