Login / Registrazione
Sabato 3 Dicembre 2016, San Francesco Saverio
follow us! @travelitalia

Catacombe dei Cappuccini

Palermo / Italia
Vota Catacombe dei Cappuccini!
attualmente: 08.44/10 su 9 voti
La chiesa di Santa Maria della Pace - conosciuta come Chiesa dei Cappuccini - è stata eretta dai frati omonimi verso la metà del Cinquecento, forse su un complesso preesistente. Fu completamente ristrutturata nel 1618 e restaurata anche nel 1934. L’annesso convento fu creato nel 1621 ed è famoso perché ospita - nei sotterranei - un cimitero particolare, chiamato “Le Catacombe” di Palermo, e formato da una serie di gallerie scavate nel tufo. Le catacombe si estendono per circa 300 metri quadrati e custodiscono più di 8.000 scheletri e corpi mummificati, sepolti tra il 1559 e il 1881. Inizialmente, i frati venivano sepolti in una specie di cisterna scavata nel tufo sotto il lato meridionale della chiesa, ma già alla fine del Cinquecento questa cisterna si era rivelata insufficiente. Si cominciò quindi a scavare le gallerie, dietro l’altare maggiore della chiesa. Un cartello ricorda che il primo “ospite” delle “Catacombe” fu un religioso di Gubbio, Fra Silvestro, morto il 16 ottobre 1599.
Nel traslare i corpi dei defunti dalla cisterna alle gallerie, i Cappuccini si accorsero che - evidentemente per la natura dell’ambiente - si era verificato un notevole processo di mummificazione naturale. Dopo questa scoperta, le gallerie cominciarono ad ospitare salme, non solo dei Padri Cappuccini, ma anche di non religiosi. L’usanza cessò nel 1881.
Le “Catacombe” hanno avuto una serie di visitatori illustri, tra cui Ippolito Pindemonte, che le descrisse nei suoi “Cimiteri”, Guy de Maupassant e Giacomo Leopardi, che vi dedicò alcuni versi nei suoi “Paralipomeni della Batracomiomachia”. Superfluo aggiungere che l'esposizione delle salme può destare una certa ammirazione, ma può anche essere motivo di turbamento per chi fosse particolarmente impressionabile.
Condividi "Catacombe dei Cappuccini" su facebook o altri social media!