Login / Registrazione
Lunedì 26 Settembre 2016, SS. Cosma e Damiano
follow us! @travelitalia

Rocca Albornoz

Orvieto / Italia
Vota Rocca Albornoz!
attualmente: 08.50/10 su 4 voti
Nel 1354 Orvieto fu conquistata dalle truppe del Card. Egidio Albornoz, sceso in Italia per restaurare il dominio papale e preparare il ritorno del papa da Avignone. Su consiglio dei capitani e dei vicari – che non si sentivano tranquilli senza strutture fortificate – e su precisa richiesta di Papa Innocenzo VI, l’Albornoz ordinò che anche ad Orvieto fosse costruita una fortezza. Fu scelta l’area di Porta Postierla o Soliana, detta poi Porta Rocca, sul limite orientale della rupe, e fu spianata l’intera contrada di San Martino.
La prima rocca, iniziata nel 1364, fu quasi sicuramente progettata dal Conte Ugolino di Montemarte, architetto militare, coadiuvato da Giordano del Monte degli Orsini, capitano del patrimonio. Ne uscì una costruzione possente, quadrilatera, protetta da un fossato con due ponti levatoi, completata da un palazzotto contiguo alla porta e da altre strutture lungo le mura. Si ritiene che l’opera abbia avuto valenza simbolica: la fortezza sarebbe sorta più per dimostrare l'inespugnabilità di certi territori che per ragioni militari. Comunque, la fortezza cominciò subito un'esistenza travagliata e nel 1390 fu distrutta nel corso di lotte intestine alla città.
Nel 1450-1452 Antonio da Carpi costruì una nuova rocca sul vecchio perimetro, con l'aggiunta di un rivellino circolare. La fortezza, completata da Bernardo Rossellino, fu variamente modificata e riattata, ma eventi eccezionali – il sacco di Roma del 1527 e la fuga di Clemente VII a Orvieto – determinarono un intervento straordinario: la costruzione del Pozzo di San Patrizio, destinato ad uso esclusivo della rocca.
La fortezza restò in funzione come struttura militare fino a tutto il Settecento, ma cadde in rovina all’inizio dell’Ottocento, quando presero il via i lavori per la funicolare: la rocca fu abbattuta in gran parte nel 1831. Dell’antica fortezza, oggi area di giardini pubblici, restano un torrione circolare, la cinta muraria esterna e tre imponenti porte.
Condividi "Rocca Albornoz" su facebook o altri social media!