Login / Registrazione
Giovedì 29 Settembre 2016, SS. Michele, Gabriele e Raffaele
follow us! @travelitalia

Palazzo Tornielli-Bellini

Novara / Italia
Vota Palazzo Tornielli-Bellini!
attualmente: 06.67/10 su 3 voti
La presenza di questo edificio, situato in Via Negroni, è testimoniata per la prima volta da un documento del Cinquecento, che fa risalire la proprietà ai conti Tornielli, una potente famiglia di Novara. Il Palazzo passò poi ai Bagliotti e nel 1751 alla famiglia dei conti Bellini. Grazie ai Bellini, il palazzo fu restaurato in stile rococò e le sale furono abbellite con affreschi, stucchi e specchi: il palazzo divenne uno dei più sontuosi della città.
Nel corso dell’Ottocento il palazzo ospitò una serie di personaggi illustri. Nel 1800 vi fece sosta Napoleone, prima della battaglia di Marengo; nel 1849 fu la volta di re Carlo Alberto che abdicò in favore del figlio Vittorio Emanuele; da ultimi, Napoleone III e il futuro Re d’Italia, Vittorio Emanuele II, qui si riuniscono per studiare i piani in preparazione della battaglia di Magenta.
Dotato all'interno di un nobile quadriportico e di ricca decorazione con stucchi e pitture, nel 1900 fu acquistato dalla Banca Popolare, fondata a Novara nel 1871. Dopo il completamento della facciata ad opera dell'architetto Luigi Broggi di Milano, a partire dal 1905 divenne la sede centrale della stessa banca.
Gli antichi e sontuosi ambienti, decorati dal pittore settecentesco Antonio Pianca, furono destinati a funzioni di rappresentanza. Notevoli le “Sale Storiche” del palazzo a partire dalla Galleria degli Arazzi che presenta una collezione di arazzi settecenteschi e coralli siciliani. Notevoli sono anche la Sala del Comitato, dove sono ospitate le tele di paesaggisti del Settecento; la Galleria del Pianca, con pannelli pittorici di Giuseppe Antonio Pianca; la Sala Maggiore, detta anche “degli Specchi” o “della Musica”, poiché arredata con dieci grandi specchi e già sede di ricevimenti e balli.
Condividi "Palazzo Tornielli-Bellini" su facebook o altri social media!