Login / Registrazione
Venerdì 30 Settembre 2016, San Girolamo
follow us! @travelitalia

Musei di Novara

Novara / Italia
Vota Musei di Novara!
attualmente: 06.00/10 su 1 voti
GALLERIA D’ARTE MODERNA “PAOLO E ADELE GIANNONI”
c/o Complesso del Broletto
Via Fratelli Rosselli, 20
La Galleria è costituita in prevalenza dalle opere che il collezionista Alfredo Giannoni (1862-1944) ha donato al Comune. Conserva ed espone circa 900 opere pittoriche di artisti italiani, che illustrano – nella varietà delle scuole regionali – i diversi aspetti della pittura italiana dell'Ottocento e i movimenti artistici dei primi del Novecento.

MUSEO CIVICO
c/o Complesso del Broletto
Via Fratelli Rosselli, 20
Costituito nel 1874, il Museo raccoglie affreschi sacri provenienti dalla provincia, tele del Cinque-Seicento e armi del Rinascimento. Spiccano i dipinti di Gaudenzio Ferrari, del Tanzio da Varallo, del Pianca, del Moncalvo, del Cerano e del Nuvolone. Notevole la sezione archeologica che mostra reperti – preistorici, romani, celti e longobardi – che riportano ai primi abitanti del novarese.

MUSEO DI STORIA NATURALE FARAGGIANA FERRANDI
c/o Palazzo Faraggiana
Via G. Ferrandi, 13
Il museo è nato nel 1957, quando Caterina Faraggiana donò al Comune di Novara la sua collezione di animali esotici imbalsamati. Si tratta di oltre mille esemplari di mammiferi, rettili, uccelli e pesci – di specie locali ed esotiche – cui si sono aggiunte quelle portate dall'Africa e dall'Asia da Alessandro Faraggiana e altre ancora donate dall'esploratore Ugo Ferrandi. Arricchitasi con successive donazioni, il Museo conta oggi circa 2500 esemplari, che illustrano le regioni zoogeografiche di tutto il mondo. Notevole la sezione etnografica che contiene armi congolesi e orientali e una documentazione sugli usi e costumi delle popolazioni eritree, etiopiche e somale, pure donata al Comune dal Ferrandi.

MUSEO LAPIDARIO DEL BROLETTO
c/o Complesso del Broletto
Via Fratelli Rosselli, 20
Di proprietà del Capitolo della Cattedrale, il museo nacque nel 1813, fu riordinato nel 1928 e rinnovato e aperto al pubblico nel 1999. Conserva una bella raccolta d’iscrizioni romane, cippi, epigrafi e are provenienti dalla città e dal territorio, e che vanno dal III al V secolo d.C. Tra i reperti spiccano quelli che riportano testimonianza delle cariche istituzionali - militari e amministrative - e dei culti funerari delle famiglie e dei loro membri. E’ ampiamente documentato il culto olimpico, ma si trovano anche elementi ornamentali come il bassorilievo marmoreo, del III secolo, detto Rilievo delle Nave, che rappresenta un pescatore. Notevoli sono una piccola stele grecanica, trovata a Novara nel 1813, e la stele celtica di San Bernardino di Briona, che reca i simboli solari di Taranis e testimonia la religiosità dei Celti.

MUSEO NOVARESE DI ARTE E STORIA – SEZ. ARCHEOLOGICA REMO FUMAGALLI
c/o Complesso del Broletto
Via Fratelli Rosselli, 20
Istituito nel 1874, ha sede nel Broletto dal 1935-1940. La Sezione “storia” comprende manufatti del paleolitico, neolitico e dell'età del bronzo, nonché un'ampia documentazione sulle necropoli di Castelletto Ticino, San Bernardino di Briona e Romentino. La Sezione “arte” è rappresentata da opere di Tanzio da Varallo, Daniele Crespi, Giuseppe Nuvolone, arredi e sculture del XVII e XVIII secolo, dipinti di S.M. Legnani; affreschi di Johannes de Campo e di maestri novaresi e lombardi del '400.

MUSEO ROGNONI SALVANESCHI
Via Canobio, 4
Nasce nel 1985, quando la nobile Alessandra Rognoni Salvaneschi dona al Comune la propria bella casa quattrocentesca, in cui aveva raccolto numerose e preziose testimonianze della cultura e delle tradizioni novaresi dell’Ottocento (arredi di famiglia, giocattoli, abiti e ricami, ceramiche, stampe e oggetti vari).
Condividi "Musei di Novara" su facebook o altri social media!