Login / Registrazione
Giovedì 8 Dicembre 2016, Immacolata concezione
follow us! @travelitalia

Chiesa di San Satiro

Milano / Italia
Vota Chiesa di San Satiro!
attualmente: 08.19/10 su 21 voti
La chiesa di Santa Maria presso San Satiro è dedicata, appunto, a San Satiro, fratello di Sant’Ambrogio. L’edificio attuale si sovrappone alle poche tracce rimaste di una chiesa primitiva che risale al IX secolo e che corrisponde all’attuale transetto. Nel 1478 i lavori di rifacimento e d’ampliamento furono affidati al Bramante, che vi pose mano in modo geniale. Due cose rendono assai importante questa piccola chiesa: la prima è che nella parete terminale ad oriente è introdotta un'illusione prospettica - un finto presbiterio - che dimostra la formazione pittorica del Bramante e soprattutto gli ideali architettonici di Piero della Francesca. La seconda è il senso dello spazio architettonico concepito come una serie di pieni e di vuoti, come in pittura, piuttosto che come una serie di volumi come in architettura; ciò testimonia l'attività precedente del Bramante.
La facciata, arretrata rispetto a Via Torino, è un rifacimento del 1871. Sul retro, visibile da Via Mazzini, si leva un campanile romanico, della fine del X secolo, dietro il quale sporge la più antica cappella della Pietà, con elegante rivestimento architettonico del Quattrocento. La pianta è a croce latina e tre navate. L’interno presenta proporzioni ridotte, e l'asimmetria della pianta è compensata, dietro l'altare maggiore, dal celeberrimo finto presbiterio, di cui si è detto. In fondo al transetto sinistro, la cappella della Pietà, già basilica di Ansperto (sec. IX), con pianta a croce greca. Dalla navata destra si passa nel Battistero (o sagrestia) ottagonale, anch'esso del Bramante, ornato di un bel fregio di putti e busti virili, opera di Agostino de' Fondutis (1483).
Condividi "Chiesa di San Satiro" su facebook o altri social media!